Catania

Coronavirus, 232 casi a Misterbianco e 117 a Paternò: i dati dei paesi etnei

Comune di Misterbianco
Come procede l'epidemia da Coronavirus tra i comuni che compongono la provincia etnea? Ecco gli ultimi dati disponibili.

Da una settimana a questa parte la situazione epidemiologica, per la provincia etnea, sembra migliorare. I nuovi casi di positività frenano, arrivando ai “soli” 197 riscontrati nella giornata di ieri.

Eppure, la battaglia non si può dire ancora vinta. Alcuni Comuni contano ancora diversi casi: di seguito tutti i dati.

Misterbianco

Coi dati aggiornati a ieri, 10 febbraio, il comune di Misterbianco ha informato che “i soggetti attualmente positivi sono complessivamente 232, di cui 20 ospedalizzati e 212 a domicilio”, mentre “ammontano a 366 i soggetti attualmente non positivi, sottoposti ad isolamento domiciliare non scaduto”.

Paternò

Anche i dati della città di Paternò sono aggiornati a ieri: è stato ufficialmente comunicato che “i casi accertati di Covid-19 a Paternò risultano essere allo stato attuale 117 di cui 8 ospedalizzati. I soggetti posti in isolamento domiciliare sono 163″.

Aci Catena

Gli ultimi dati che giungono da Aci Catena sono aggiornati allo scorso 8 febbraio. Il sindaco Nello Oliveri ha informato i concittadini che “scendono a 119 ( 56 donne e 63 uomini) i casi di positività al Covid, calano anche i soggetti in quarantena. 117 sono coloro i quali posti in isolamento preventivo. Tra i positivi, 7 sono ospedalizzati”.

Nonostante le ottime notizie, il sindaco ha voluto rivolgere un triste ma doveroso appunto: Aci Catena finora per Coronavirus ha perso complessivamente 10 soggetti, deceduti per cause riconducibili al micidiale virus. Continuiamo con prudenza a seguire le normative anti contagio, grazie”.

Bronte

Anche i dati della città di Bronte sono relativi allo scorso 8 febbraio. Il sindaco, Pino Firrarello, ha spiegato che “sono 109 i positivi registrati dal bollettino di oggi: un numero stabile, che conferma comunque la circolazione del virus nel nostro paese, seppur in maniera limitata rispetto alle settimane scorse”.

Con questi dati, il primo cittadino ha segnalato una novità importante: “per la prima volta dopo 3 mesi il numero di coloro i quali sono posti a misure di isolamento fiduciario scende sotto le 200 unità. Segnale che la nostra città sta man mano smaltendo questo terribile periodo.

Università di Catania