Università di Catania

UNICT – Via al seminario “PhD Girls”: storie di ragazze che amano la scienza

phd girls
"PhD Girls…and then…? Storie di ragazze che amano la scienza", il progetto UNICT volto a valorizzare le donne e il loro impegno in ambito accademico. Undici ragazze che hanno fatto della scienza la loro carriera racconteranno la propria storia e il proprio percorso durante un seminario online.

Essere donne oggi e il rapporto tra la femminilità e il mondo accademico. Questo il tema centrale dell’iniziativa promossa dall’Università degli Studi di Catania. Undici ragazze che amano la scienza raccontano le loro storie, e in particolar modo l’importanza del conseguimento del dottorato per la loro vita lavorativa e come conciliano la passione per la ricerca con l’essere donne.

L’iniziativa, dal titolo “PhD Girls…and then…? Storie di ragazze che amano la scienza” è in programma giovedì 11 febbraio, dalle ore 16:00, sulla piattaforma MS Teams. L’incontro è stato organizzato dai dottorati di ricerca in Scienze geologiche, biologiche e ambientali e in Scienze della terra e dell’Ambiente e dal Comitato Unico di Garanzia dell’Università di Catania per celebrare The International Day of Women and Girls in Science, promosso con una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 22 dicembre del 2015.

Protagoniste dell’evento, curato dalle docenti Agata Di Stefano e Rosanna Maniscalco, coordinatrice e vice-coordinatrice dei dottorati, saranno Giusi D’Amante, Laura Borzì, Maria Carmela Di Rosa, Marisa Giuffrida, Carmen Impelluso, Sabrina Grassi, Helena Pappalardo, Rachele Lombardo, Roberta Pecoraro, Alessandra Pellegrino e Francesca Toscano.

Interverranno anche le docenti Germana Barone, presidente del Cug d’Ateneo, e Adriana Di Stefano, delegata del rettore alle Pari opportunità.

La Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza riconosce il ruolo fondamentale che le donne e le ragazze svolgono nella scienza e nella tecnologia, e ha l’obiettivo di promuovere un accesso completo ed equo alla partecipazione scientifica alle donne e alle ragazze.

Rimani aggiornato