Catania

Catania, più controlli anti-Covid nel periodo natalizio: il piano

Credits: Roberto Viglianisi
Dopo un vertice alla Prefettura di Catania, è stato stabilito il piano strategico e operativo dei controlli in occasione dell'imminente periodo natalizio in tempi di Coronavirus.

Le festività natalizie sono ormai alle porte ma, quest’anno, fanno temere. Come evitare che tale periodo possa comportare una nuova crescita dei contagi?

A Catania, il Prefetto ha presieduto il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica con lo scopo di esaminare le predisposizioni e i dispositivi di prevenzione adottati per l’attuale emergenza epidemiologica, nonché di verifica e controllo dell’osservanza delle disposizioni governative in materia di contenimento del contagio da Covid-19.

Le misure, come distanziamento sociale, uso delle mascherine e divieto di assembramenti, saranno da attuare dal 17 dicembre al 6 gennaio nell’intero territorio metropolitano.

Al vertice hanno partecipato il Sindaco della Città Metropolitana, accompagnato dai Comandanti della Polizia Metropolitana e della Polizia Municipale, il Questore, il Comandante provinciale dei Carabinieri, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, i Dirigenti del Compartimento e della Sezione della Polizia Stradale. E ancora, il Comandante del 62° Reggimento Fanteria Sicilia dell’Operazione “Strade Sicure”, il Dirigente della Polizia di Frontiera, il Comandante della Capitaneria di Porto, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco il Direttore Generale dell’ASP, accompagnato dal Dirigente dei Dipartimenti competenti e il Dirigente dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro.

Il piano è quello di incrementare gli interventi di vigilanza e controllo nel capoluogo etneo, soprattutto durante i fine settimana.

Le Forze dell’Ordine, in collaborazione con la Polizia Locale, la quale si avvarrà dei 30 nuovi agenti appena assunti, e insieme ai militari dell’operazione “Strade sicure”, intensificheranno le misure interforze già attuate in alcuni luoghi della Città.

Nello specifico, lungo la via Etnea saranno mantenuti e ulteriormente sensibilizzati i quattro posti di osservazione e controllo per intervenire tempestivamente e sciogliere eventuali assembramenti nonché per verificare l’osservanza delle prescrizioni governative. Analoghe misure verranno adottate al Lungomare, San Giovanni li Cuti, Piazza Nettuno e Piazza Mancini Battaglia. Inoltre, rimane tuttora efficace l’ordinanza adottata dall’Amministrazione comunale che prevede il divieto di stazionamento nel borgo marinaro di S. Giovanni Li Cuti e in piazza Duomo.

L’Amministrazione comunale ha rappresentato che valuterà l’opportunità di disporre ulteriori provvedimenti di limitazione dell’accesso. Rigorosi dispositivi di prevenzione sono stati pianificati anche in relazione alle località prossime alla città, attuando attenti controlli sull’osservanza del divieto di mobilità intercomunale e interprovinciale, come previsto, nei giorni del 25, 26 dicembre e 1 gennaio, nonché sul rispetto del “coprifuoco” dopo le ore 22.00. I controlli sulla mobilità intercomunale e interprovinciale saranno svolti anche con l’intervento della Polizia Stradale nell’ambito dei compiti d’istituto.

Con riguardo alla mobilità di accesso all’Etna, gli interventi saranno pianificati in una specifica riunione del Comitato Operativo della Viabilità convocata per i prossimi giorni in Prefettura. In ambito portuale, la Capitaneria di Porto concorrerà ai servizi di prevenzione. Il rafforzamento delle misure di prevenzione e controllo, sia in modalità interforze che in autonomia da parte delle singole Forze di Polizia, sarà attuato anche nei Comuni della Città metropolitana a supporto delle iniziative delle Polizie locali.

Tutte le misure sono state operativamente previste in dettaglio in un apposito tavolo tecnico in Questura e prevedono l’impiego del maggior numero possibile di unità di personale automontato e appiedato in divisa, per la massima visibilità, nonché l’utilizzo di mezzi aerei e navali ad opera dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

L’intensificazione dei controlli riguarderà il rispetto delle misure governative di contenimento della diffusione del contagio da parte degli esercizi commerciali, in particolare sulla predisposizione dei cartelli con il numero massimo di clienti, dei centri commerciali, sull’utilizzo del conta persone e dei bar e ristoranti, con la pianificazione di verifiche ad opera dell’Asp dell’Ispettorato del Lavoro e dei NIL.

Con riguardo allo scalo di Fontanarossa sono state esaminate le misure predisposte dalla Polizia di Frontiera per la migliore gestione dei passeggeri in arrivo e in partenza al fine precipuo di evitare assembramenti, assicurando il rigoroso svolgimento dei controlli previsti. È stata prevista l’intensificazione anche dei servizi di prevenzione e vigilanza presso gli scali ferroviari, le stazioni dei mezzi di trasporto pubblico e privato con posti di controllo e verifiche su persone e merci. Infine sono state pianificate iniziative di controllo sulla vendita e l’accensione dei fuochi pirotecnici e del materiale esplodente.