Scuola

Scuola, il piano di Azzolina: lezioni in estate, no alla domenica

scuola azzolina
Iniziano a delinearsi le modalità di ripresa nel mondo scuola con l'inizio del nuovo anno e il percorso che porterà al completamento dell'anno scolastico in corso.

Iniziano a delinearsi le modalità di ripresa nel mondo scuola con l’inizio del nuovo anno e il percorso che porterà al completamento dell’anno scolastico in corso. In cantiere varie proposte che il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha rivelato nel corso di un’intervista rilasciata a l’Aria di domenica su La7.

LEZIONI IN ESTATE

“Allungare l’anno scolastico? E’ una proposta che il ministero dell’Istruzione ha fatto alle Regioni in questi giorni. Lezioni in estate? Sono le Regioni ad essere competenti sul calendario scolastico. E’ possibile allungare il calendario se si sono perse delle lezioni. Ovviamente dobbiamo considerare che le scuole non si possono tenere aperte. Si può quindi pensare a giugno. Dobbiamo pensare alla strutture che abbiamo ad agosto non si può fare scuola. A giugno sì”.

SCUOLA DOMENICA BOCCIATA

“Il sabato in classe, c’è già soprattutto al Sud, per la domenica non penso sia da perseguire, anche le famiglie non lo vogliono. Tavoli con i prefetti per i trasporti? Servono per scaglionare gli ingressi. Ci sono dei territori già pronti a ripartire. Altre città, come quelle metropolitane, hanno bisogno di parlarsi e a questo servono i prefetti.

TURNI POMERIDIANI

“Sui turni pomeridiani la scuola non si sottrae, l’importante è mandare a scuola il 75% degli studenti delle superiori”.