Attualità

Coronavirus, la Sicilia è tra le 5 regioni con Rt sotto l’1,5

coronavirus test
Dalla Regione Siciliana emergono nuovi dati circa l'andamento dell'epidemia. La Sicilia si trova tra le poche regioni a possedere un Rt sotto la soglia di rischio.

In riferimento alla data del 14 ottobre, come emerge dai dati condivisi dall’ufficio del Commissario nazionale all’emergenza Covid, la Sicilia è tra le 5 regioni italiane con indice Rt sotto la soglia di 1,5 ed è, tra le altre regioni, quella che ha attivato più posti letto di terapia intensiva. In Sicilia, infatti, ci sono 139 nuovi posti, che si aggiungono ai 418 già esistenti: hanno fatto meglio solo Lazio e Piemonte.

Secondo i dati Agenas (agenzia per i servizi sanitari regionali), aggiornati al 10 novembre, in Italia, il 52% dei ricoveri nei reparti di area medica degli ospedali riguarda pazienti Covid, quindi ben oltre la soglia definita “critica” del 40%. A superare questo valore sono 11 regioni, ma non c’è la Sicilia. L’Isola, invece, si situa al terzo posto per numero di nuovi posti letto attivati di terapia intensiva.

Dai dati, inoltre, emerge anche che i posti di terapia intensiva occupati da pazienti Covid toccano il 37% a livello nazionale, 7 punti oltre la soglia critica del 30%, superata, anche in questo caso, da 11 regioni. Queste informazioni, basate su una rielaborazione di quelle fornite dalla Protezione civile, sono una cartina di tornasole di come la progressiva saturazione dei posti letto, sia nella cosiddetta “area non critica” che nelle terapie intensive, porti a utilizzare per pazienti Covid quelli che dovrebbero essere dedicati a persone con altre patologie.

In particolare, le 11 regioni che superano la soglia del 40% dei ricoveri di pazienti con infezione da coronavirus nei reparti di medicina generale, malattie infettive e pneumologia, sono: Campania (47% cresciuta di ben 6 punti percentuali rispetto ai dati dell’8 novembre), Emilia Romagna (55%), Lazio (45%), Liguria (70%), Lombardia (75%), Marche (55%), Piemonte (95%), Bolzano (99%), Trentino (56%), Umbria (55%) e Valle d’Aosta (86% in calo di 5 punti percentuali rispetto all’8 novembre).

Per le terapie intensive la soglia limite del 30% dei posti occupati da pazienti Covid è stata superata, ieri, da 11 regioni: Campania (33%), Emilia Romagna (38%), Liguria (44%), Lombardia (54%), Marche (46%), Piemonte (56%), Bolzano (54%), Trentino (42%), Toscana (47%), Umbria (57%) e Valle d’Aosta (50%). Mentre Sardegna e Puglia si attestano al 30%.

Speciale Test Ammissione