Scuola

Concorso scuola, a ottobre si riparte: tutte le novità

news scuola azzolina
Concorso scuola: la ministra Azzolina torna a parlare del reclutamento docenti, sostenendo che i concorsi sono una priorità per il governo. Ecco le novità.
Concorso scuola: la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, torna a parlare di concorsi scuola per l’assunzione di nuovi docenti negli istituti di tutta Italia. Sono, infatti, tantissimi gli insegnanti e gli aspiranti tali che, tra giugno e luglio, hanno presentato la domanda per riuscire a vincere uno dei 78 mila posti messi a bando dal Miur. Tra concorso ordinario e concorso straordinario, le questioni in sospeso, però, sono ancora tante e, ad oggi, quel che si sa sullo svolgimento delle prove non è molto. Vediamo, nel dettaglio, cosa ha detto la ministra Azzolina in merito.

Concorsi a partire da ottobre

Stando a quanto dichiarato in aula, nei giorni scorsi, dalla ministra Azzolina, la macchina dei concorsi dovrebbe ripartire a breve. La questione dell’organico, per il governo, sarebbe centrale, soprattutto in un momento di difficoltà legato alla ripartenza del settore scolastico e dell’epidemia d a Covid-19. In merito ai concorsi, la ministra afferma: “Li espleteremo già a partire dal prossimo mese di ottobre, per riattivare una macchina concorsuale ferma da troppo tempo, con grave danno per la scuola, che senza concorsi non ha tutti gli insegnanti di cui ha bisogno. Come noto, avrei voluto farli prima. Ma ci siamo quasi”.
 
“Abbiamo avuto oltre 76 mila domande di partecipazione per il concorso ordinario di infanzia e primaria, più di 430 mila per la secondaria di I e II grado. Mentre sono circa 64 mila le domande di partecipazione presentate per la procedura straordinaria per l’immissione in ruolo di docenti per la scuola secondaria di I e II grado, con almeno tre annualità di servizio”, continua Azzolina, che sottolinea come l’assunzione di nuovi docenti sia una priorità.

Docenti di religione

 Novità anche per quel che riguarda il concorso ordinario finalizzato al reclutamento dei docenti  di religione. “Proprio in queste settimane – ha dichiarato la ministra –, il Ministero dell’istruzione, grazie ad un apposito Tavolo costituito con la Conferenza episcopale italiana, sta proficuamente lavorando alla definizione dell’Intesa per lo svolgimento del concorso ordinario finalizzato al reclutamento dei docenti di religione. Sarà presto bandito, come previsto dal decreto n. 126/2019″.

Rimani aggiornato