Altro

Auguri laurea: i trucchi per non sbagliare

auguri laurea biglietto
Può sembrare banale comporre un biglietto di auguri per una laurea, eppure spesso non si sa cosa scrivere. Vi diamo dei consigli su come poterne scrivere uno, cercando di superare il vuoto di pensieri.

Auguri laurea – Il giorno della laurea è la tappa conclusiva di un percorso iniziato anni prima e che ha portato al raggiungimento dell’obiettivo con il conseguimento del titolo di dottore. Una giornata molto particolare e di festa per chi ha ottenuto questo titolo e che, sicuramente, merita di essere festeggiato.

Auguri laurea: le frasi più belle da inviare

  • Ho sempre pensato che sei un genio e oggi l’hai dimostrato a tutti! Complimenti dottore!
  •  Che una nuova avventura abbia inizio. Congratulazioni per la tua laurea!
  • Siamo felicissimi per te e molto orgogliosi. Goditi il momento e continua così, vedrai che arriveranno tante soddisfazioni. Ora offrici da bere!
  • Siate affamati, siate folli. (Steve Jobs)
  •  La tua laurea non è una sorpresa: è meritata al 100%. Congratulazioni!
  •  Conserva sempre questa tua determinazione e questa tua volontà, vedrai che andrai lontano. Complimenti!
  •  Diventa quello che vuoi, diventa quello che sei. In bocca al lupo dottore!
  •  Ti auguro che a questa bellissima carriera universitaria possa seguire un altrettanto radioso futuro professionale. Auguri per la tua laurea!
  •  Non è stata la prima e non sarà l’ultima volta che ci vantiamo di te. Ci hai reso veramente orgogliosi, congratulazioni!
  •  Congratulazione Dottore, offri da bere a tutti che non aspettiamo altro!
  •  Osa vivere la vita che hai sognato. Vai avanti e realizza i tuoi sogni. (Ralph Waldo Emerson)

Auguri laurea: momento imbarazzo

Molto spesso, ci si ritrova tra gli amici o i conoscenti del neo laureato o della laureata con una busta in mano e non si sa cosa scrivere per celebrare e ricordare questo momento particolare. Scatta il momento imbarazzo con la ricerca all’interno delle comitive del poeta di turno per poter scrivere una frase che non sia la classica e banale, tipo la banalissima “Auguri dottore/dottoressa”.

Se infatti scegliere un regalo può essere facile con tante idee che vengono in mente (uno smartphone, uno smartwatch, una borsa da lavoro, un viaggio, ecc. ) una frase può non risultare semplice da comporre, perché il rischio di usare frasi semplici ma scontate è alto.

Auguri laurea: consigli e trucchi

Il nostro consiglio per un augurio più efficace è quello di evitare le solite frasi fatte, cercando di usare la fantasia e lasciare da parte il copia ed incolla. Meglio se all’interno della frase si aggiungono episodi che possono aver segnato il percorso universitario del candidato o della candidata, in modo da ricordare i sacrifici  fatti e i momenti vissuti durante gli anni universitari.

Altro suggerimento, da poter seguire scrivendo un biglietto d’auguri è quello di usare l’ironia, per celebrare la fine del percorso universitario e sottolineare i lati positivi o negativi della nuova fase che attenderà il laureato o la laureata. Si potrebbe ironizzare su ciò che aspetta il neo dottore o dottoressa che, per esempio, durante il tirocinio post laurea imparerà a portare il caffè al proprio capo o gli sistemerà le pratiche sulla scrivania in ufficio.

È un modo divertente, che può aiutare il laureato o la laureata a sorridere e a stemperare un po’ la situazione di incertezza che spaventa, e non poco, molti ragazzi riguardo al proprio futuro lavorativo.

Infine, un ultimo consiglio, riguarda frasi, citazioni o aforismi, che magari possono impreziosire il vostro biglietto d’auguri. Evitate le solite o le più ricorrenti, quelle di circostanza per intenderci, ma cercate se fate una citazione di adattarla alla situazione o al momento (per esempio fare una citazione sull’ambito lavorativo che riguarda il laureato o la laureata, o che riguarda il dipartimento/facoltà) in modo da personalizzarla.

 Outfit laurea: 5 consigli utili per un look perfetto (anche da casa)

A proposito dell'autore

Manfredi Restivo

Nato a Piazza Armerina ma cresciuto a Nicosia, laureando in Giurisprudenza presso l'Università di Catania, appassionato di libri, musica e sport, calcio e formula 1 su tutti, ha unito nel tempo la passione per il giornalismo iniziando a collaborare con la redazione di LiveUnict.