Scuola

Graduatorie provinciali supplenze: quando fare domanda

graduatorie provinciali supplenze
Pubblicate dal MIUR le date per fare domanda per le nuove graduatorie provinciali per le supplenze. Ecco come funzioneranno le nuove graduatorie e chi può parteciparvi.

Graduatorie provinciali supplenze: a partire da domani, mercoledì 22 luglio, e fino al 6 agosto, sarà possibile inviare la procedura d’inserimento nelle Graduatorie Provinciali e di istituto per le Supplenze. I candidati potranno inoltrare domanda a cominciare dalle 15:00 e per un’unica provincia d’interesse. È quanto prevede il decreto che sarà pubblicato entro la fine della giornata di oggi sul sito del MIUR, assieme a tutte le indicazioni operative.

Graduatorie provinciali per le supplenze: come fare domanda

Per essere inseriti nelle graduatorie provinciali supplenze bisogna fare domanda unicamente online. Da quest’anno, infatti, la procedura per la formazione delle Graduatorie Provinciali e di istituto per l’assegnazione delle supplenze è interamente digitalizzata. Il sistema, così aggiornato, ha l’obiettivo di consentire una più rapida assegnazione delle cattedre che restano vuote dopo le assunzioni in ruolo, a garanzia di un migliore avvio dell’anno scolastico.

Si potrà presentare domanda attraverso l’applicazione “Istanze on Line (POLIS)”. Per farlo, sarà necessario possedere le credenziali SPID (qui spieghiamo come ottenerlo) , o in alternativa, un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero con l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)”.

Le novità del 2020

Le graduatorie provinciali supplenze (abbreviate in GPS) entrano in vigore da quest’anno e sostituiscono le vecchie graduatorie d’istituto. La procedura, come anticipato dalla ministra Azzolina, sarà del tutto digitale, così da snellire anche il processo d’invio delle domande.

Ad occuparsi delle assegnazioni saranno gli Uffici Scolastici Territoriali di livello provinciale, che potranno avvalersi dell’aiuto di scuole Polo per la valutazione dei titoli. Il lavoro delle segreterie delle scuole sarà, dunque, semplificato e questo consentirà un avvio più agevole dell’anno scolastico.

Gli Uffici territoriali attingeranno dalle Graduatorie Provinciali Supplenze (GPS) solo dopo aver esaurito tutte le disponibilità presenti nelle Graduatorie ad Esaurimento (GAE) per la relativa classe di concorso. Ogni docente potrà iscriversi alle GPS per una sola provincia, ma per più classi di concorso. Le graduatorie provinciali supplenze prevedono due fasce:

  • Per la prima fascia, tutti i docenti abilitati all’insegnamento per le classi di concorso scelte e, per la parte del sostegno, provvisti di specializzazione.
  • Per la seconda fascia, la scuola dell’infanzia e primaria accoglierà gli studenti iscritti al terzo, quarto o quinto anno di Scienze della Formazione primaria, già, dunque, in possesso delle competenze derivanti dallo svolgimento del tirocinio. Per la scuola secondaria, invece, potranno iscriversi alle graduatorie provinciali supplenze gli aspiranti in possesso dei titoli relativi alle classi di concorso scelte, con l’abilitazione su una classe di concorso o un grado di istruzione diverso o un precedente inserimento nella terza fascia delle graduatorie di istituto per la classe di concorso scelta.

Un altro cambiamento rispetto al passato, inoltre, riguarda le diverse graduatorie per il sostegno, anch’esse suddivise in due fasce:

  • la prima fascia sarà costituita dai docenti che abbiano la specializzazione per il grado di istruzione scelto:
  • la seconda fascia comprenderà tutti coloro che abbiano maturato, entro l’anno scolastico 2019/2020, tre anni di insegnamento sul sostegno e che siano in possesso dell’abilitazione o del titolo relativo al grado di istruzione o alla classe di concorso scelti.


Novità graduatorie provinciali per supplenze: come funzioneranno