Scuola

Novità graduatorie provinciali per supplenze: come funzioneranno

bambini maestra
lehrerin in der grundschule
La ministra Azzolina ha firmato la nuova ordinanza per la nuova procedura per la formazione delle graduatorie provinciali supplenze. Ecco come funzionerà.

La ministra dell’Istruzione Azzolina ha firmato ieri la nuova ordinanza, attraverso la quale si procederà alla digitalizzazione degli elenchi provinciali per l’assegnazione delle supplenze. Prenderà il via, inoltre, anche una nuova procedura per la formazione delle graduatorie, che avrà lo scopo di determinare una più rapida assegnazione delle cattedre che restano vacanti dopo le assunzioni di ruoli. Ecco cosa cambia e come funzionerà la nuova procedura.

Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS)

Grazie alla nuova ordinanza per l’assegnazione delle supplenze annuali e di quelle fino al termine delle attività didattiche, si attingerà dalle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS). Le assegnazioni saranno controllate dagli Uffici Scolastici Territoriali di livello provinciale, che potranno avvalersi dell’aiuto di scuole Polo per la valutazione dei titoli.

Gli Uffici territoriali attingeranno dalle Graduatorie Provinciali Supplenze solo dopo aver esaurito tutte le disponibilità presenti nelle Graduatorie ad Esaurimento (GAE) per la relativa classe di concorso. Ogni docente potrà iscriversi alle GPS per una sola provincia, ma per più classi di concorso.

Due le fasce previste:

  • la prima comprenderà tutti i docenti abilitati all’insegnamento per le classi di concorso scelte e, per la parte del sostegno, provvisti di specializzazione.
  • per la scuola dell’infanzia e primaria la seconda fascia accoglierà gli studenti iscritti al terzo, quarto o quinto anno di Scienze della Formazione primaria, già, dunque, in possesso delle competenze derivanti dallo svolgimento del tirocinio. Per la scuola secondaria potranno iscriversi gli aspiranti in possesso dei titoli relativi alle classi di concorso scelte, con l’abilitazione su una classe di concorso o un grado di istruzione diverso o un precedente inserimento nella terza fascia delle graduatorie di istituto per la classe di concorso scelta.

Sostegno

Per il sostegno saranno finalmente previste delle distinte graduatorie: è un altro cambiamento che sottende la qualità dell’insegnamento e i diritti degli studenti con disabilità per garantire loro, quanto più possibile, di avere un insegnante specializzato.

La prima fascia sarà costituita dai docenti che abbiano la specializzazione per il grado di istruzione scelto, la seconda fascia comprenderà tutti coloro che abbiano maturato, entro l’anno scolastico 2019/2020, tre anni di insegnamento sul sostegno e che siano in possesso dell’abilitazione o del titolo relativo al grado di istruzione o alla classe di concorso scelti.

Graduatorie di istituto: come funzioneranno

Dopo l’assegnazione dei posti disponibili ai docenti presenti in GAE e in GPS, per le supplenze brevi, i dirigenti scolastici potranno attingere alle graduatorie di istituto suddivise in tre fasce:

  • la prima costituita dagli abilitati presenti nelle Graduatorie ad esaurimento;
  • la seconda e la terza dagli abilitati  e dai non abilitati presenti nelle Graduatorie provinciali.

Tutte le istanze di partecipazione potranno essere presentate esclusivamente in via telematica, in un’unica provincia.