Università di Catania

UNICT – Al via i seminari sugli scavi archeologici di Atene

In collaborazione con la Scuola Archeologica Italiana di Atene, Unict avvia una serie di seminari sui siti archeologici greci, realizzati dai docenti dell'Ateneo.

La Scuola Archeologica Italiana di Atene ha avviato dei seminari online sugli scavi archeologici dei siti greci, ai quali parteciperanno anche degli archeologi catanesi. L’iniziativa, intitolata SAIA Webinars, è stata promossa in collaborazione con il Ministero della Cultura e dello Sport della Repubblica Greca e grazie alle convenzioni di molte università italiane operanti in Grecia, tra cui l’Università di Catania.

I seminari, finanziati anche dall’Ateneo catanese, saranno 21, di cui nove realizzati da docenti Unict, presenti da anni a Creta per le missioni di Prinias avviata da Giovanni Rizza nel 1969, Festòs e Haghia Triada, fondate da Vincenzo La Rosa nel 1977, e Gortina. In particolare, il corpo docenti catanese è rappresentato dai professori: Pietro Militello e Simona Todaro (Disum), Orazio Palio (Disfor), Cettina Santagati (Dicar), dagli assegnisti Marianna Figuera (Disum) e Graziana d’Agostino (Dicar), dall’ing. Damiano Aiello, e dalla dott.ssa Francesca Buscemi (ricercatrice CNR-ISPC).

Il primo ciclo di seminari riguarderà il sito di Prinias, al quale saranno dedicati due seminari. Il primo, curato dal prof. Daio Palermo, professore ordinario di Archeologia classica del Disfor, e direttore della missione di scavo, riguarderà l‘insediamento del sito. Invece, il secondo seminario sarà dedicato alla necrepoli e ne parlerà la dott.ssa Antonella Pautasso, primo ricercatore del CNR-ISPC.

I siti archeologici di Festòs e Haghia Triada, verranno illustrati in nove seminari, coordinati dal prof. Pietro Militello, ordinario di Archeologia egea del Disum, attualmente direttore del Centro di Archeologia cretese e della missione di Festòs, di cui fanno parte ben sei università italiane e il CNR-ISPC di Catania.

Inoltre, altri due seminari offriranno una rapida sintesi della storia dei due siti principali, mentre gli altri saranno rivolti a tematiche specifiche, come l’evoluzione del palazzo (Militello), l’esperienza del rilievo digitale (Buscemi, Santagati), lo studio tecnologico della ceramica. Quest’ultimo, realizzato da Simona Todaro con Ilaria Caloi della Università Ca’ Foscari, si pone come continuazione del del corso di alta formazione “Dalla matrice al tornio”, avviato lo scorso anno e rivolto a laureati italiani e stranieri, oltre che intitolato alla memoria del prof. Vincenzo La Rosa. Altri tre seminari saranno dedicati alla Festòs “micenea” e greca. Un ultimo seminario sarà tenuto dal prof. Luigi Caliò, professore associato di archeologia classica del Disum e riguarderà il tempio ellenistico di Gortina.

A partire da venerdì 5 giugno, inoltre, è possibile vedere tutti i seminari registrati sul sito e sui canali social della Scuola Archeologica di Atene, dove saranno immagazzinati in maniera permanente. Inoltre, per una fruizione più interessante dei video, sarà possibile visionare i seminari anche in neogreco ed in inglese.