Altro

Coronavirus, nuova autocertificazione: scarica il modulo

controlli polizia
Immagine di repertorio.
Arriva un nuovo modello di autocertificazione per l'emergenza del Coronavirus, basandosi sulle nuove disposizioni ministeriali.

Un ulteriore cambiamento ed ulteriori restrizioni: è quanto emerge dalle ultime disposizioni dettate dal presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, per far fronte all’emergenza Coronavirus. Cambia soprattutto il modulo dell’autocertificazione per gli spostamenti lungo il territorio comunale.

Coronavirus, cosa cambia con il nuovo modulo di autocertificazione?

La nuova autocertificazione che i cittadini dovranno avere con sé ed esibire se richiesto dalle autorità si basa sull’ultimo decreto del premier Conte. Tale modello – proprio per contrastare la diffusione del Covid-19 – è dunque relativo alle ulteriori misure cautelari.

Queste nuove misure sono relative sia all’apertura di esercizi commerciali, quanto relativamente agli spostamenti dei cittadini nel comune d’appartenenza. Sussisterà ancora la possibilità di spostamento motivi di lavoro, emergenze e provate necessità. Viceversa non sarà più possibile rientrare nei propri comuni di residenza.

Da oggi è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute“, si legge nel nuovo decreto ministeriale (art. 3 del decreto legge n. 6/2020).

Il decreto prevede anche la possibilità di recarsi in stazione o aeroporto per andare a recuperare i propri cari in viaggio. Inoltre, attraverso la nuova autocertificazione, i lavoratori potranno spostarsi lungo il territorio di altri comuni per recarsi nei propri posti di lavoro. Previsto l’inasprimento delle multe ai trasgressori, con sanzioni amministrative che potrebbero toccare i 2.000 euro.

 Download nuovo modulo per l’autocertificazione


Leggi anche:

Covid-19, Conte: “Chiuse tutte le attività produttive non necessarie”