Catania

Coronavirus a Catania, tre pazienti dimessi dal Garibaldi: curati con Tocilizumab

Ospedale Garibaldi Catania
Immagine di repertorio.
Giungono ottime notizie dall'Ospedale Garibaldi-Nesima di Catania: qui tre pazienti affetti da COVID-19 sono stati dimessi dopo esser stati curati con l'ormai tanto discussa terapia sperimentale di Tocilizumab.

Approfondimento: le statistiche dell’andamento del contagio in Sicilia

Dopo un ricovero di qualche giorno nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale Garibaldi-Nesima di Catania sono stati dimessi tre ricoverati per Covid 19 curati con una terapia combinata Idrossiclorichina, Lopinar e Azitromicina grazie a procedure attivate dall’assessorato regionale alla Salute.

Si tratterebbe di una 60enne, un 63enne e un 77enne che sono tornati oggi a casa nel rispetto di misure di sicurezza condivise con l’Azienda sanitaria provinciale. Due di loro non presentavano un quadro particolarmente complicato, mentre la situazione del 77enne appariva in un primo momento difficile, viste le numerose patologie di cui soffriva l’uomo.

“È una notizia che fa ben sperare per il percorso di guarigione di tutti gli altri pazienti attualmente ricoverati – si sottolinea dall’ospedale – per alcuni dei quali, quelli con un quadro vitale particolarmente complesso, è stato completato il primo ciclo della terapia sperimentale di Tocilizubam che sta suscitando tanto interesse nel mondo“.