Altro

Concorso scuola, 24 Cfu e terza fascia: tutte le ultime novità

Concorso scuola: l'uscita dei due bandi, ordinario e straordinario, è attesa entro la fine di febbraio. Niente di certo sulle date, tutte le info utili.

L’attesa per il Concorso Scuola continua. Nonostante il Decreto Scuola sia diventato legge a fine dicembre e sia stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, con tanto di requisiti richiesti ai docenti per partecipare, ancora i bandi per i due concorsi non sono usciti.

Quando usciranno i bandi?

Si ipotizza che i bandi dei concorsi scuola, ordinario e straordinario, possano uscire entro la fine di febbraio 2020, ma potrebbero esserci ulteriori ritardi. Niente di certo quindi ancora. Da un lato l’attesa sfianca, dall’altro però i candidati hanno più tempo a disposizione per prepararsi al concorso.

Nella legge approvata lo scorso 28 dicembre relativa ai futuri Concorsi scuola, ci sono alcuni emendamenti che inseriscono delle novità, soprattutto per quanto riguarda i requisiti. Tra gli importanti cambiamenti che sono stati approvati c’è anche l’emendamento che prevede il conseguimento dei 24 CFU per chi si vuole inserire per la prima volta in terza fascia, che siano laureati o diplomati ITP.

Requisiti

Il Miur ha quindi fatto chiarezza specificando una volta per tutte i requisiti necessari per il Concorso ordinario. Per partecipare al Concorso scuola è necessario essere in possesso di uno tra i seguenti titoli accesso (D.lgs. 59/2017):

  •  Titolo di accesso alle Classi di Concorso + 24  crediti nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche
    È richiesto il possesso congiunto di:
    1) Titolo di accesso alle Classi di Concorso previsto dal DPR 19/2016 e DM 259/2017 >> http://www.miur.gov.it/web/guest/titoli-di-accesso;
    2) Certificazione finale dei 24 crediti nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche previsti dal DM 616/2017.

Il possesso dei Titolo di accesso alle Classi di Concorso, che permette l’accesso alla terza fascia delle Graduatorie d’Istituto per gli incarichi a tempo determinato, non deve essere preventivamente certificato da una Istituzione universitaria/AFAM ma viene dichiarato dal candidato al momento dell’iscrizione al Concorso e successivamente documentato in sede di presentazione dei titoli di accesso con il certificato di laurea/diploma e i certificati universitari attestanti il conseguimento degli esami/CFU/CFA richiesti dal DPR 19/2016 o dal DM 259/2017. concorsIl possesso dei 24 crediti previsti dal DM 616/2017 deve essere necessariamente documentato con apposita “certificazione finale” rilasciata da una Istituzione universitaria/AFAM (elenco sedi sul sito  www.universitaly.it)

I CFU/CFA conseguiti tramite i corsi per i 24 crediti previsti dal DM 616/2017, erogati dalle Istituzioni universitarie/AFAM elencate sul sito www.universitaly.it , sono validi ai fini dell’accesso alle Classi di Concorso.

Per partecipare sui posti di ITP – Insegnante Tecnico Pratico, fino all’a.s. 2024/2025 è richiesto il possesso del solo Titolo di accesso alle Classi di Concorso (Tab. B del DPR 19/2016 e DM 259/2017).

  •  Abilitazione all’insegnamento. Sono valide anche le abilitazioni su classe di concorso o  grado di istruzione diverso da quello per cui si partecipa,  fermo restando il possesso del relativo titolo di accesso previsto dal DPR 19/2016 e DM 259/2017.
  • Tre anni di servizio presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione negli ultimi otto, di cui almeno uno sulla classe di concorso per cui si intende partecipare (solo in prima applicazione – Concorso 2019).

 

Leggi anche:Concorso scuola: le classi di concorso per insegnare