Università di Catania

UNICT – Voti pilotati nel Cda: coinvolti anche rappresentanti degli studenti

Un terremoto ha scosso stamattina L'Università di Catania. L'indagine intitolata "Università Bandita" ha portato alla luce un sistema diffuso di corruzione e concorsi truccati. Una logica di potere messa in piedi dall'ex rettore Pignataro e il rettore Basile, alla quale si sono piegati alcuni docenti, ma in taluni contesti non sono rimasti esclusi anche i rappresentati degli studenti.

Un sistema diffuso di corruzione fatto di scambi e di favori con a capo l’ex rettore Pignataro e il rettore Basile faceva dell’Università di Catania un luogo per pochi, dove la clientela aveva la meglio sul merito. Questo “squallido sistema” non ha coinvolto “soltanto” ben 27 concorsi avvenuti all’Università di Catania, ma era la prassi per tutte le più importanti decisioni sulla formazione e sulle nomine degli organi interni dell’Università

In particolare, un quadro sconcertante emerge nel caso della formazione del Consiglio di Amministrazione, quando alla logica di potere e alle decisioni imposte da rettore ed ex rettore, sembrerebbero essersi dovuti piegare anche i rappresentanti degli studenti: “Il Consiglio di amministrazione è stato deciso a tavolino da Pignataro e da Basile – spiega il Commissario Claudio Pucci della Squadra Mobile di Catania -. Basile e Pignataro hanno stabilito anticipatamente chi è che doveva fare parte del Consiglio di Amministrazione attraverso il sistema dei pizzini.

In quell’occasione Drago e Sessa sarebbero stati  incaricati di distribuire questi pizzini a tutti coloro che avrebbero dovuto votare non soltanto docenti ma anche personale amministrativo e ai rappresentati degli studenti. Quest’ultimi anch’essi non si sono sottratti a questa logica.”

Pizzini e concorsi truccati: ecco come funzionava all’Università di Catania

Caos all’Università di Catania: chi sono i docenti sospesi per concorsi truccati

Concorsi truccati all’Università di Catania: “Li dobbiamo schiacciare questi stronzi” [VIDEO]