Catania

Catania, divieti di balneazione: tutte le zone interessate

Diverse le motivazioni che hanno portato l'Amministrazione comunale all'imposizione di divieti di balneazione lungo la costa del capoluogo etneo.

È stato stilato il documento che elenca le aree catanesi nelle quali saranno imposti i divieti di balneazione: a darne la notizia sono il sindaco della città Salvo Pogliese, e la direttrice della direzione Ambiente, Lara Riguccio, i quali hanno indicato le zone interdette.

I motivi che hanno portato alla diramazione dei divieti sono quelli relativi all’inquinamento e alla sicurezza, oltre che alla tutela ambientale, delle zone balneari. Divieto che riguarda anche l’Oasi del Simeto: infatti, circa 3 chilometri di costa saranno interdetti (compresa la riserva naturale orientata)

Così, per l’inquinamento, dei divieti riguardano circa 30 metri di via Villini a Mare, 30 metri nella zona di immissione del canale in piazza Europa, 350 metri dalla stazione centrale al porto di Catania e 620 metri dal porto di Catania. Invece, per motivi di sicurezza, le zone con divieto di balneazione sono quelli vicini ai porticcioli, come ad esempio il borgo di San Giovanni Li Cuti.

Precisamente, i divieti riguarderanno: 800 metri del porticciolo di Ognina (porto Ulisse), 220 metri relativi al porticciolo di San Giovanni Li Cuti; quasi due chilometri relativamente al porto di Catania; 223 metri relativamente al porticciolo turistico di Ognina e 35 metri nella zona di sbocco del canale di gronda.