In Copertina Università

Caos a Medicina: a Catania l’assurdo ritardo dei risultati per l’abilitazione

Polemiche all'Università di Catania in merito alla pubblicazione dei risultati dell'esame di abilitazione alla professione medico-chirurgica. Tra tutti gli atenei italiani, Catania risulta l'unica a non aver ancora comunicato gli esiti: molti i disagi per gli studenti.

Grossi ritardi, all’Università di Catania, per la pubblicazione dei risultati relativi all’abilitazione alla professione medico-chirurgica. L’esame di stato, che ha coinvolto gli aspiranti medici di tutta Italia, si è svolto lo scorso 12 febbraio e tutti gli atenei hanno provveduto a pubblicare i risultati a distanza di qualche giorno: ad oggi, l’Università degli Studi di Catania sembra essere l’unica a tardare. Polemiche e proteste stanno arrivando in queste ore da parte di tutti gli interessati che, a causa dei ritardi, potrebbero essere costretti a rivedere i loro programmi.

“Le commissioni presenti in aula a Catania  racconta M. ai microfoni di LiveUnict – ci avevano assicurato che i risultati sarebbero stati pubblicati sul sito dell’università al massimo entro una settimana. Sono passati dieci giorni, ma la cosa che più ci scandalizza è che i risultati già da giorni sono usciti in tutte le altre città d’Italia, comprese quelle siciliane di Palermo e Messina. Non capiamo questa grande differenza di tempi tra Catania e le altre città d’Italia. Ci sono colleghi che nelle altre città sono iscritti all’Ordine dei medici, mentre qui a Catania non lo possiamo fare perché dobbiamo attendere i risultati”.

Senza il risultato dell’esame, infatti, sono numerosi i disagi per gli studenti, dall’immissione nel mondo del lavoro alla formazione post laurea: Alcuni di noi necessitano di sapere i risultati perché perderebbero la borsa di medicina generale – dichiara P. che a dicembre ha superato il test –. Con questo ritardo, infatti, abbiamo saltato la riunione mensile dell’Ordine che si è svolta ieri giovedì 21, riunione in cui vengono rilasciati i codici di iscrizione, fondamentali non solo per poter svolgere la professione, ma anche per poter firmare il contratto per il corso di medicina generale, corso che molti di noi si sono guadagnati superando il test a dicembre scorso”. 

La correzione del test avviene tramite lettore ottico da parte del Cineca e, secondo quanto dichiarato dagli studenti, i compiti sarebbero già stati corretti. Secondo il bando, tuttavia, affinché i risultati vengano pubblicati, è necessaria l’approvazione da parte della Commissione e successivamente del Rettore: “I risultati devono essere valutati con decreto rettorale prima di essere pubblicati – ci spiega L. facendo riferimento al bando – ma ci è stato detto che al momento mancano i professori per riunire il consiglio e che si sta pensando di convocare un’altra riunione straordinaria da fissare i primi giorni di marzo”.

Gli studenti temono che anche quest’appuntamento possa saltare, provocando ulteriori ritardi e conseguenti disagi a tutti coloro che hanno necessità di conoscere gli esiti dell’esame, ma dall’ateneo catanese arriva prontamente una replica: “I risultati pervenuti dal cineca sono stati oggetto delle verifiche di prassi. La commissione si riunirà martedì per ufficializzare gli atti e renderli disponibili già nella giornata di mercoledì”.

 

Antonietta Bivona

È coordinatrice della redazione della testata LiveUnict e borsista di dottorato di ricerca presso il DISUM dell’Università di Catania. Dopo una laurea in Letterature comparate, un master in Marketing e comunicazione, i suoi interessi si sono concentrati su letteratura contemporanea, giornalismo, digital marketing e social media.