Università

Esami universitari: come affrontare la sessione invernale senza rinunciare al Natale

Natale si avvicina ma tu sei uno studente universitario? LiveUnict ti fornisce i consigli utili per scoprire che le vacanze esistono anche per te!

Per molti gennaio rappresenta l’inizio di un nuovo anno, per gli studenti universitari la fine della libertà. La sessione invernale bussa alla porta e non è detto che ci si senta pronti ad accoglierla: tra noi e l’esame si frappone il Natale a cui non si può rinunciare!

Tutti desidererebbero preparare più materie senza il bisogno di rinunciare alle proprie festività ma quanti ci riusciranno? Vi stupirà scoprire che, con qualche consiglio utile, tutto questo non sarà solo utopia.

Smettete di sperare nei miracoli e iniziate ad organizzare il vostro studio: costruite una tabella di marcia e impegnatevi a seguirla minuziosamente. Distribuire le ore di studio quotidianamente vi aiuterà ad alleggerire il vostro carico di studio, a ricordare meglio le nozioni e, soprattutto, a non rinunciare a cenoni e giocate.

Servirà, poi, concentrarvi sul lato positivo di dicembre che, ve lo assicuriamo, esiste davvero. Le lezioni del primo semestre, infatti, volgeranno presto al termine e voi avrete così più tempo a disposizione da dedicare a manuali ed appunti. Utilizzate dunque le ore precedentemente riservate ai corsi  per lo studio in casa e, magari, condividetelo con qualcuno: la compagnia è sempre un mezzo utile, per la mente oltre che per lo spirito!

Evitate, inoltre, di rinunciare alla vostra vita: mangiate, riposate almeno 8 ore al giorno e uscite. Lo studente in sessione non dovrebbe vestire i panni di un eremita ma ritagliare sempre un po’ di tempo per se stesso e gli amici.

Alcune date che, fino all’inizio dell’università sono apparse ai vostri occhi come sacre, rimangono tali: in giorni come il  25 dicembre o il 1° di gennaio chiudete i libri, aprite i regali insieme ai vostri cari e salutate il nuovo anno che, leggendo questo articolo e ricominciando subito dopo a studiare, vi riserverà per certo piacevoli sorprese…almeno all’università!