Musica

Porte Aperte Unict 2018: ai Benedettini Erica Mou e Costanza Paternò in concerto

Nel chiostro del Monastero di San Nicolo l'Arena, il secondo appuntamento della mini-rassegna "Musica a Ponente".

Domani sera, giovedì 19 luglio alle ore 21:00 saliranno sul palco del cortile del Monastero dei Benedettini le cantautrici Erica Mou e Costanza Paternò per il secondo appuntamento di “Musica a Ponente”, la mini-rassegna che
propone sonorità sudamericane, canto italiano, contaminazioni linguistiche e musicali di quattro tra le più sensibili e originali voci del cantautorato moderno, e che il 7 luglio ha visto di scena anche Dimartino e Fabrizio Cammarata.

L’evento – organizzato da Mercati Generali in collaborazione con Associazione Musicale Etnea – è
inserito nel calendario di appuntamenti “Porte aperte Unict 2018 – Dialoghi migranti” che fino al primo agosto ospita concerti, proiezioni, spettacoli teatrali e incontri negli edifici storici dell’Università di Catania.

Erica Mou – nome d’arte di Erica Musci – è una delle più interessanti cantautrici italiane. Ha già all’attivo oltre cinquecento concerti in Italia e all’estero (Brasile, Stati Uniti, Germania, Francia, Belgio, Ungheria, Albania, Inghilterra) e cinque album in studio: “Bacio ancora le ferite” (Auand, 2009), “È” (Sugar, 2011), “Contro le onde” (Sugar, 2013), “Tienimi il posto” (Auand/Artis First, 2015) e “Bandiera sulla luna”(Godzillamarket, 2017). Nel 2012 partecipa al Festival di Sanremo nella sezione Social, dedicata ai giovani artisti, vincendo il premio della critica Mia Martini e il Premio Sala Stampa Radio TV. Negli anni vince numerosi riconoscimenti, collabora con grandi nomi della musica internazionale (come Valgeir Sigurdsson e Davide Rossi) e più volte i suoi brani vengono scelti per colonne sonore di film (dai registi Roberta Torre, Rocco Papaleo, Giovanni Virgilio, Pupi Avati, Paul Haggis, Cosimo Damiano Damato) fruttandole anche una nomination al David di Donatello.

Accanto a lei “Incostanza Duo”, il progetto di Costanza Paternò – cantautrice triestina ma siciliana d’adozione – in duo con il chitarrista e bassista Vincenzo Gangi, frutto della collaborazione con i Dounia (Faisal Taher, Vincenzo Gangi, Giovanni Arena, Riccardo Gerbino), storico gruppo di world music catanese. Il duo, oltre ai pezzi dell’album “Incostanza” arrangiati per chitarre, basso e voce, proporrà anche alcune cover tratte da repertori della canzone popolare italiana, americana e latinoamericana.

Il costo del biglietto è di 10 euro, 7 euro per il personale universitario e 5 euro per studenti (oltre diritti di prevendita).