Scuola

Concorso docenti abilitati: come verranno assegnati i punteggi

Di recente è stato pubblicato il bando del concorso docenti abilitati 2018, per il quale è possibile iscriversi entro il 22 marzo; il concorso consisterà in una sola prova orale della durata di 45 minuti nella quale il candidato dovrà dimostrare con una lezione simulata le proprie competenze metodologico-didattiche.

Sebbene il concorso docenti abilitati non preveda un punteggio minimo, converrà comunque classificarsi in una buona posizione all’interno della graduatoria regionale di merito, giacché i candidati verranno ammessi al Fit di anno in anno. La tabella di valutazione dei titoli prevede un’assegnazione massima di 60 punti distribuiti così: 34 punti per il titolo di accesso, 25 punti per ulteriori titoli professionali, 9 punti per le pubblicazioni ed infine 30 punti per i servizi di insegnamento. Ma cosa succede se i candidati hanno più di un’abilitazione?

Gli aspiranti docenti potranno ovviamente concorrere per tutte le classi di concorso per le quali sono abilitati, previo pagamento della tassa concorsuale di 5,00 euro per ciascuna classe di concorso. L’ulteriore abilitazione verrà valutata 6 punti, ad esempio: se un candidato concorre per la classe A045 ed è abilitato anche per la A046, allora il candidato riceverà 6 punti in più per l’ulteriore abilitazione; se il candidato è abilitato in entrambe le classi e concorre per entrambe, riceverà comunque 6 punti in più in entrambe le categorie concorsuali.

Ciononostante, l’ulteriore abilitazione non verrà abilitata se il candidato ha già partecipato a un concorso in precedenza; infatti a essere valutato sarà il concorso che ha già fatto secondo questa ripartizione:

  • 15 punti per il superamento del concorso sulla classe alla quale ci si è iscritti;
  • 5 punti per il superamento del concorso su qualunque altra classe.

In questo modo i candidati potranno conquistare una posizione ottimale in graduatoria e incominciare subito a lavorare, per ottenere quanto prima la cattedra a tempo indeterminato.

Francesco Arcolaci