In Copertina Scuola

SCUOLA – Concorso docenti 2016: i numeri e le modalità di partecipazione

Dopo vari ritardi, sembra che manchi davvero poco per la pubblicazione dei bandi del nuovo concorso docenti 2016.

docente

Arrivano i numeri e molte altre informazioni sulle modalità di partecipazione del nuovo concorso. Sono confermati i 63.712 posti totali, di cui 57.611 comuni (relativi, cioè, alle varie discipline) e 6.101 di sostegno.

Nel dettaglio, i posti per grado sono:

  • Infanzia 7.237 (6.933 comuni e 304 di sostegno)
  • Primaria 21.098 (17.299 comuni e 3.799 di sostegno)
  • Secondaria di I grado 16.616 (15.641 comuni e 975 di sostegno)
  • Secondaria di II grado 18.255 (17.232 comuni e 1.023 di sostegno)

A questi si aggiungono 506 posti relativi a tutti i gradi di istruzione che saranno banditi sulla nuova classe di concorso A023, quella relativa all’insegnamento dell’italiano come lingua seconda. Il Ministero ha anche fornito i dati (in allegato) relativi ai posti banditi per classe di concorso.

I bandi saranno tre: per infanzia e primaria, secondaria di I e II grado, sostegno. Il bando per il sostegno è del tutto inedito. Confermata l’assenza della prova preselettiva. Si procederà con lo scritto che si svolgerà interamente al computer.

Come annunciato precedentemente, si dovrà sostenere una prova scritta con 8 domande in 150 minuti, di cui due saranno invece i quesiti in lingua straniera di cui si è tanto discusso negli scorsi giorni (inglese, francese, tedesco o spagnolo, obbligatoriamente l’inglese per la primaria). Le domande saranno tutte a risposta aperta, ad eccezione di quelle in lingua, che avranno altri cinque sotto-quesiti sempre a risposta chiusa. Il candidato dovrà dimostrare di avere un livello di competenza pari almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue.

Per l’orale, si dovrà sostenere una prova di 45 minuti, di cui 35 verranno utilizzati per una lezione simulata e nei restanti 10 il candidato verrà esaminato dalla commissione.

Nella valutazione dei titoli si valorizzeranno, fra l’altro, i titoli abilitanti, il servizio pregresso, il dottorato di ricerca, le certificazioni linguistiche. Le funzioni per l’iscrizione al concorso saranno aperte alla fine del mese di febbraio. Il Miur sta predisponendo un mini-sito web dedicato al concorso dove si potranno reperire tutte le informazioni utili e da cui si potrà accedere direttamente alla domande di partecipazione al concorso. Il sito sarà disponibile al momento della pubblicazione dei bandi.