Attualità

Telejato rischia di chiudere, parte la petizione per salvarla

telejato

Telejato disturba le frequenze di Malta. È questo il motivo per cui l’emittente televisiva, per l’ennesima volta, rischia di chiudere. Secondo quanto espresso dalla Corte europea, la tv di Pino Maniaci dovrebbe chiudere entro il 2 dicembre. 

“Per puro caso Telejato occupa il canale 46. Vorrei tanto capire come può un’emittente che trasmette da monte Bonifato, ad Alcamo, in provincia di Trapani, arrivare fino a Malta. Mi chiedo se dietro questa vicenda ci sia l’ennesimo tentativo di metterci il bavaglio”, ha confessato Pino Maniaci, che già da anni lotta ogni giorno contro le mafie. Una lotta fatta con l’informazione libera e soprattutto sofferta, non sono poche le aggressioni fisiche subite.

Per salvare la tv, la collaboratrice di Telejato Elisa Martorana ha lanciato una petizione su change.org, che al momento conta circa 6000 firme e tanti commenti di sostegno da parte di siciliani e di giornalisti.

“Telejato di Pino Maniaci – si legge nella petizione onlinel’unica vera tv che fa informazione libera e lotta alle mafie è costretta alla chiusura. Vogliono cancellare il canale perché dicono che con il suo segnale, che solo da poche settimane è visibile da Palermo, disturberebbe le trasmissioni televisive di Malta”.

Il contributo di Telejato nel combattere la mafia è stato enorme e continua ad essere fondamentale, firma anche tu la petizione!

A proposito dell'autore

Alessia Costanzo

Laureata in Filologia moderna, attualmente è direttrice responsabile della testata giornalistica LiveUnict e lavora come copywriter. Dopo aver scoperto il Content marketing, la sua passione per la comunicazione si è trasformata, legandosi ai Social media, alla SEO e al Copywriting.