Catania News Politica Società Università di Catania

CATANIA – Il comunicato del Comune sull’apertura di scuole e università per la giornata di domani

scuolaIl Comune di Catania, visto il bollettino meteo diramato dalla Protezione Civile, invita la popolazione a particolare prudenza.

A seguito di post falsi su facebook, che comunicavano la chiusura delle scuole sotto profili fake del sindaco Enzo Bianco, il Comune di Catania attraverso il sito ufficiale e la propria pagina presente nel social network, ha dichiarato che le scuole per la giornata di domani 2 ottobre saranno regolarmente aperte.

Circola sulla rete un “post” assolutamente falso che parla di allerta meteo e di chiusura delle scuole domani a Catania – si legge nella comunicazione –. La protezione civile regionale ha emesso un bollettino che prevede uno stato di criticità moderata, nella classificazione di allerta contraddistinto dal codice arancione. Pertanto non esiste alcuna necessità di emanare da parte del Comune di Catania l’ordinanza di chiusura delle scuole“.

I fenomeni temporaleschi – scrive il Comune sulla pagina facebook – saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, venti di burrasca o burrasca forte. L’Amministrazione comunale invita la popolazione ad essere particolarmente prudente. La Protezione civile comunale seguirà, come sempre, l’evoluzione della situazione. Le scuole rimarranno regolarmente aperte“. Quindi scuole di ogni ordine e grado aperte, compresa l’Università degli Studi di Catania e tutti i suoi Dipartimenti.

Di diverso avviso invece l’amministrazione del Comune di Acireale che, attraverso il sindaco Roberto Barbagallo, ha ritenuto necessaria la disposizione preventiva di chiusura degli istituti scolastici del comune acese. Anche nella provincia di Siracusa i portoni resteranno chiusi durante la giornata di domani.

Nel catanese invece, la sola scuola che rimarrà chiusa al momento è il liceo classico Spedalieri, dopo la comunicazione del dirigente scolastico Alfio Pennisi (leggi qui).

Leggi anche: