Altro Arte Attualità Libri

TAOBUK 2015 – Tra i grandi ospiti: Orhan Pamuk, Alessandro D’Avenia e Carlo Cracco

taobuk

Anche quest’anno il rinomato festival delle Belle Lettere approda in Sicilia, in particolare a Taormina, per mettere in scena uno spettacolo a colpi di cultura e arte. Il Taobuk, festival internazionale del libro, si terrà dal 19 al 25 settembre e avrà come scenario i posti più suggestivi di Taormina. Il tema cardine di questa quinta edizione sarà “The Wall. Gli ultimi muri”: denuncia scontri di uomini e di civiltà, divisi da pregiudizi razziali e religiosi, politici ed economici.

Si inizierà con la cerimonia del Taobuk Award for Literary Excellence, che quest’anno si sdoppia per premiare due spiriti liberi, assurti a simbolo della cultura mediterranea, come il turco Orhan Pamuk, premio Nobel nel 2006, e il marocchino Tahar Ben Jelloun, premio Goncourt nel 1987. La consegna avverrà nella stupenda cornice del Teatro Antico, nel corso della serata inaugurale del 19 settembre, che sarà animata da un’autentica parata di stelle e personalità. A condurre saranno come ogni anno la stessa Antonella Ferrara, presidente e general manager di Taobuk, e lo scrittore e giornalista Franco Di Mare, direttore artistico del festival che ha contribuito a far nascere e sviluppare. Insieme a Pamuk e Jelloun, a declinare il tema “Gli ultimi muri” saliranno sul palco millenario figure altrettanto carismatiche come la cantante israeliana Noa, alla quale andrà il premio per la pace, il violinista Uto Ughi che riceverà l’award alla carriera e il magistrato Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, a cui verrà consegnato il riconoscimento per l’impegno civile.

carlo cracco e alessandro d'avenia

Nelle giornate successive si succederanno a ritmo serrato tanti altri autori, tra i quali alfieri della legalità come Don Ciotti, Lirio Abbate, Nino Di Matteo e appunto Raffaele Cantone. E ancora il Ministro per i Beni e le attività culturali Dario Franceschini, David Levitt, Marcelo Figueras, Lirio Abbate, Daria Bignardi, Stefano Benni, Vinicio Capossela, Don Ciotti, Nino Di Matteo, Alessandro D’Avenia, Marco Missiroli, Letizia Muratori, Luca Sofri, Nicola Lagioia, Marco Malvaldi e Maurizio De Giovanni.

Interverranno inoltre Carlo Cracco e Oscar Farinetti, nomi di punta della sezione “Food Factor”, curata da Clara e Gigi Padovani.

Il festival prevede numerose altre iniziative e serrati appuntamenti, tra passeggiate culturali ed eventi improntati all’interconnessione tra le arti. Importanti altresì le collaborazioni strette con: Associazione Imprenditori Taormina, Teatro Stabile di Catania, Fondazione Federico II, Scuola Superiore di Catania, Rete delle Scuole Superiori d’Eccellenza d’Italia, Università di Messina e Catania, Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo, Comuni di Catania, Roccalumera e Mandanici, Rotary Club Taormina, Club Unesco Taormina, Fondazione Brodbeck, Abadir-Accademia di design e arti visive, Accademia Euromediterranea.

Tra le novità si segnala TaoYouth, ambizioso frutto nato dalla cooperazione fra Taobuk, la Scuola Superiore di Catania, la Rete italiana degli Istituti di Studi Superiori Universitari d’Eccellenza e la rivista CriticaLetteraria. Giovani autori e giovani lettori saranno coinvolti in un originale face-to-face. Gli allievi potranno misurarsi nella redazione di una recensione dei romanzi proposti dalla commissione, secondo le modalità previste da un apposito bando di concorso.

Interamente dedicato agli studenti universitari è pure Taobuk Lab, che darà loro l’opportunità non solo di confrontarsi con stelle affermate del panorama internazionale attraverso incontri informali e workshop, ma di essere protagonisti di una serie di iniziative, quale ad esempio il laboratorio di scrittura “Come un romanzo”.

Un carnet di eventi e incontri che accompagneranno gli ultimi giorni della bella stagione, una passeggiata tra arte, cultura e bellezza.

LEGGI ANCHE: TAOBUK LAB 2015 – Laboratori gratuiti e CFU con incontri e workshop tenuti da grandi artisti

A proposito dell'autore

Serafina Adorno

Classe 1989. Dalle sabbie dorate agrigentine e dalla bianca scala dei turchi si è trasferita a Catania per intraprendere i suoi studi e iniziare a dare forma ai suoi sogni. Laureata in Lingue e letterature comparate, lavora nella comunicazione e nei Festival del cinema.