Libri - Liber Amanti Università Università in pillole

Unict-Come cercare un libro in biblioteca: una guida per tutti, da matricole a tesisti

«Mi servirebbe questo libro, ma il prof ha segnato da studiare poche pagine e quasi quasi provo a cercarlo in copisteria» direbbe una matricola inesperta. « Voglio fare una tesi che rappresenti la maggior parte del mio tempo impiegato all’università , quindi proporrò una tesi sulla mia dipendenza da Fifa, PES e Call of duty», penserebbe uno studente folle ma sincero. Se non siete proprio sicuri di conoscere perfettamente come consultare i cataloghi delle biblioteche di ateneo, proviamo a riassumervi all’interno di questa guida le cose più importanti da sapere per diventare dei veri e propri “topi da biblioteca”.

– COME CERCARE UN LIBRO?

La domanda che a una prima occhiata potrebbe sembrare scontata nasconde in realtà qualche insidia. Imparando a utilizzare tutte le opzioni di ricerca sarà facile trovare esattamente quello che stiamo cercando. Poniamoci nei panni di uno studente del Dipartimento di Scienze Umanistiche e di dover cercare il famoso “Bertinetti”, il manuale adoperato per lo studio della letteratura inglese.

La prima cosa da fare è digitare l’indirizzo http://millennium.sida.unict.it/search/.

Successivamente occorre scegliere l’opzione di ricerca: se si vuole cercare il testo attraverso il titolo, occorrerà fare attenzione e digitarlo correttamente: “Storia della letteratura inglese” sarà la nostra stringa di ricerca. Se si preferisce cercare tramite l’autore bisogna invece ricordarsi di citare prima il cognome e poi il nome: “Bertinetti Paolo” è ciò che dovremo inserire nel form. Il codice Isbn/issn vi darà invece la certezza che sia proprio quello il libro che state cercando: nel nostro caso è 8806148982

Immagine1

Una volta trovato il testo, occorre fare attenzione a CALL#, INVENTORY NUMBER e STATUS.

È necessario prendere nota dei codici (rispettivamente il numero di collocazione e il numero di inventario) perché bisognerà riempire il modulo di richiesta prestito/consultazione in biblioteca con queste due informazioni. Lo status mostra invece la disponibilità del testo desiderato: “CHECK SELF” indica che il testo si trova in biblioteca, “DUE” invece ci dà la brutta notizia che il libro è già in prestito ma che dovrebbe essere restituito entro la data indicata.

– WORD E SUBJECT, DUE STRUMENTI UTILI

Torniamo a far compagnia al nostro “tesista folle”. Immaginiamo di voler cercare testi attinenti all’argomento dei videogiochi.
Selezioniamo allora il riquadro “WORD” e digitiamo “videogiochi”. Troveremo 6 risultati, ovvero tutti i testi che riportano nel titolo la nostra parola chiave.

Immagine2

 

 

Cliccando sul sesto risultato, troviamo dei link alla voce “SUBJECT”: Computer games –history e Video games–History. Cliccando su di essi sarà possibile navigare nelle schede degli altri libri della stessa categoria o scoprire testi che trattano tematiche affini allo stesso settore.

 

Immagine4

I nuovi libri trovati potrebbero essere utili e meritare una consultazione. E’ possibile chiaramente anche fare una ricerca mirata per argomenti selezionando nel menù di ricerca la voce “subject” e digitando l’argomento che fa al caso vostro.

– LE 3 REGOLE DA NON DIMENTICARE:

– Chi intende consultare un’opera all’interno della stessa biblioteca può richiedere che questa venga tenuta a sua disposizione per tre giorni. Si può effettuare questa richiesta per un massimo di 5 testi.

– È possibile chiedere in prestito contemporaneamente fino ad un massimo di 10 testi e la durata del prestito di ciascun libro è di 30 giorni.
– È possibile accedere, per gli studenti dell’Università di Catania, a qualsiasi biblioteca di un diverso dipartimento/facoltà: per consultare gli indirizzi vi rimandiamo al link http://www.sida.unict.it/ita/biblioteche/biblioteche%20ateneo.html

Antonio Percolla