Catania

Bimbo scomparso nel Catanese, continuano le ricerche: non sarebbe solo

Continuano le ricerche del bambino scomparso nel Catanese: Mohamed, secondo le prime ricostruzioni, non sarebbe solo.

Ieri si è svolta una riunione presso la Prefettura di Catania riguardante le novità sul caso della scomparsa del giovane Mohamed, bambino di soli 10 anni, dalla comunità di Santa Maria di Licodia.

Alla riunione hanno partecipato diverse figure chiave, tra cui il sindaco di Santa Maria di Licodia, il questore, i comandanti provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il dirigente del compartimento Polizia Stradale, il dirigente della sezione Polstrada, il vice comandante provinciale dei Vigili del Fuoco e il comandante della Compagnia dei Carabinieri di Paternò.  Si è discusso anche la possibilità di un ulteriore aggiornamento nella mattinata seguente, con la prospettiva di eventuali nuove risorse e supporti tecnologici per le ricerche.

Nel frattempo, le operazioni di ricerca per il giovane scomparso nella notte tra il 12 e il 13 marzo da Santa Maria di Licodia continuano. È emerso che Mohamed non era in possesso di un cellulare e potrebbe essere accompagnato da un altro minore, senza legami di parentela.

Il giovane Mohamed, al momento della sua scomparsa, era vestito con un pigiama e si è allontanato dalla sua residenza in via Vittorio Emanuele, dove viveva con le sue sorelle. Quest’ultime hanno riferito che potrebbe essere in compagnia di un parente. La famiglia, composta da cinque persone, sembra essere coinvolta in una situazione poco chiara, poiché si è menzionata la possibilità che la fuga del bambino possa essere stata motivata da una decisione del Tribunale di spostare Mohamed dalla casa in cui viveva.

Tuttavia non si hanno ancora novità certe, le ricerchi quindi continueranno senza sosta.


Bimbo di 10 anni scompaso nel Catanese: ricerche in corso

Caro voli, sconti ai siciliani sulle tariffe aeree: i nuovi scali coinvolti