Università di Catania

La storia geologica della Sicilia in due documentari curati da docente UNICT

Due documentari racconteranno la storia geologica della regione, raggiungendo le aree più sconosciute. I prodotti sono stati curati da un docente UNICT e andranno presto in onda in TV.

Il 17 ed il 24 novembre alle ore 21.00, su Focus canale 35, andranno in onda due documentari dal titolo “Meraviglie Geologiche d’Italia” che racconteranno la storia geologica della Sicilia, per raccontare una storia lunga milioni di anni, curati da Rosolino Cirrincione docente del Dipartimento Scienze Biologiche Geologiche ed Ambientali – UniCT e dal giornalista scientifico Luigi Bignami.  I documentari condurranno i telespettatori in un tour che da Capo Passero raggiungerà le aree più interne e sconosciute della Sicilia, per raccontare una storia lunga milioni di anni.

La Sicilia è così come appare sulle attuali carte geografiche solamente da nemmeno due milioni di anni pur possedendo rocce antiche centinaia di milioni di anni e presentando, nel triangolo peloritano di nord-est, dati incontrovertibili di eventi geologici accaduti ancora prima dell’inizio del Paleozoico – spiega il docente UNICT Rosalino Cirrincione -. La Sicilia, al centro esatto del Mediterraneo, è un triangolo di terra che presenta i tre elementi geodinamici tipici di una collisione continentale: la catena, l’avanfossa e l’avampaese. La catena montuosa sud-vergente denominata catena maghrebide, occupa la maggior aperte del territorio siciliano; l’avanfossa, localizzata in corrispondenza dell’allineamento Catania-Gela; l’avampaese ubicato nel settore sud-orientale dell’isola in corrispondenza delle province di Siracusa e Ragusa. Come se non bastasse in questa terra si trova un lembo di crosta continentale europea e il vulcano più alto d’Europa. Il patrimonio geologico di questa regione è praticamente unico e non replicato in nessuna parte del pianeta”.