Politica

Elezioni regionali 2022: come verranno ripartiti i seggi

Sala d'Ercole
Sala d'Ercole.
Elezioni regionali 2022: in corso lo scrutinio. In attesa di risultati certi sui nomi, ecco i dettagli sulla ripartizione dei seggi.

Elezioni regionali 2022: da circa due ore si è dato il via allo scrutinio. I primi risultati vedono Renato Schifani, candidato del Centrodestra, in testa. Seguono al momento De Luca, di Sicilia Vera, e Chinnici, del Centrosinistra. In attesa di conoscere i dati definitivi, ecco cosa occorre sapere sulla ripartizione dei seggi.

Ripartizione dei seggi

I deputati dell’Assemblea Regionale Siciliana che saranno eletti sono in tutto 70. Prevista una precisa ripartizione dei seggi.

Ben 62 di questi sono attribuiti con il sistema proporzionale puro e soglia di sbarramento al 5 per cento a livello regionale. Più in particolare:

  • 16 a Palermo;
  • 13 a Catania;
  • 8 a Messina;
  • 6 ad Agrigento;
  • 5 a Siracusa;
  • 5 a Trapani;
  • 4 a Ragusa;
  • 3 a Caltanissetta;
  • 2 a Enna.

Inoltre 6 seggi verranno assegnati all’interno della lista regionale del candidato Presidente, noto anche come “listino”. Con questo termine si riferisce ad una lista bloccata che funziona da premio di maggioranza e consente alla coalizione collegata al Presidente della Regione eletto di ottenere al massimo 42 seggi all’Assemblea Regionale Siciliana. I seggi non utilizzati vengono distribuiti, con criterio proporzionale, alle liste di minoranza che abbiano superato lo sbarramento.

Infine un seggio verrà riservato al candidato alla Presidenza della Regione che verrà eletto.

Si ricorda che diviene Presidente della Regione Siciliana il capolista della lista regionale che incassa più voti validi.

Università di Catania