Attualità

Bonus 200 euro non automatico per tutti: il modulo da compilare

Bonus 200 euro per lavoratori e pensionati in arrivo. Esso non sarà automatico per tutti e per determinate categorie si dovrà presentare un modulo. Ecco come scaricarlo.

Arriva il bonus 200 euro per i lavoratori dipendenti. Un vero e proprio contributo emanato dal decreto aiuti per aiutare sia i lavoratori del pubblico che del privato. Ma tale bonus non sarà automatico per tutti e alcune categorie di lavoratori dovranno presentare un modulo. 

Bonus 200 euro: a chi spetta

Tale contributo spetterà a tutti i cittadini lavoratori e pensionati che hanno un reddito annuo inferiore a 35mila euro.

Più nello specifico, gli interessati dalla manovra statale una tantum saranno:

  • i lavoratori dipendenti;
  • i lavoratori domestici;
  • i lavoratori Co.co.co (contratto di collaborazione coordinata e continuativa);
  • i lavoratori autonomi;
  • ultimi ma non meno importanti, potranno percepire i 200 euro anche i pensionati.

Bonus 200 euro: chi deve presentare l’autocertificazione

Tutti i dipendenti privati che intendono richiedere il bonus 200 euro dovranno presentare un’autocertificazione direttamente al proprio datore di lavoro

Questo documento serve per dichiarare di non essere titolare di pensione o reddito di cittadinanza, né di aver ricevuto o di voler ricevere la stessa indennità da altro datore di lavoro. Per i dipendenti pubblici la verifica dei requisiti verrà fatta dall’INPS attraverso le sue banche dati.

Quando arriva

I beneficiari del bonus emanato dal decreto aiuto riceveranno la somma spettante ad inizio luglio direttamente nella busta paga per chi lo riceverà in modo automatico, invece per chi dovrà presentare l’autocertificazione dovrà attendere qualche settimana in più.


Scarica il modulo dell’autocertificazione


Per certificare tutti questi requisiti e ottenere in automatico la somma una tantum, i lavoratori dipendenti:

  • devono compilare un modulo di autocertificazione,
  • consegnare questo modulo al proprio datore di lavoro,
  • ricevere l’indennità una tantum di 200 euro direttamente in busta paga dal datore,
  • il datore stesso verrà poi rimborsato dall’Inps.

Il modulo di autocertificazione dovrà contenere alcuni dati specifici utili per poter usufruire del bonus:

  • dati anagrafici,
  • codice fiscale,
  • nome del datore di lavoro e azienda,
  • i requisiti richiesti per dipendenti.

Si ricorda che il modulo è un fac simile in quanto il modello ufficiale non è ancora stato diffuso.

 Bonus 2500 euro giovani: in arrivo a luglio nuovo incentivo