Attualità

Green Pass, cambiano le regole: dove serve e dove no

Green Pass
Green Pass: dove continuerà ad esser necessario e dove no? Ecco cosa ha stabilito il Governo.

Dopo due anni segnati da più ferree restrizioni, l’Italia entra in una nuova fase ed il numero di regole da seguire si riduce. Cambiano in parte le disposizioni in merito alle mascherine e anche al Green Pass. Ecco cosa occorre sapere, in particolare, sull’ormai celebre certificazione verde. 

Green Pass: dove serve dopo l’1 maggio?

Da qualche sono scattate nuove regole sul Green pass. In particolare, da ieri (1 maggio), non bisognerà più mostrare la certificazione per accedere ai luoghi pubblici.

Lo stesso varrà per gli ambienti di lavoro, in merito ai quali occorre, comunque, fare una precisazione. Di fatto andrà ricordato che, fino al 15 giugno 2022, permane l’obbligo di vaccinazione per Forze dell’Ordine ed il personale di scuole ed università.

Il Green Pass non sarà, inoltre, più necessario per accedere ai mezzi di trasporto.

Infine, secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, l’Italia ha abolito il Pif  (“Passenger locator form“), ma fino al 31 maggio occorrerà comunque continuare a rispettare le regole europee in materia di viaggi.

Green Pass: dove servirà ancora?

In un caso il Green Pass resta obbligatorio. Bisognerà, di fatto, continuare a mostrarlo per accedere e permanere nelle strutture sanitarie e nelle RSA. Ciò vale per tutti i lavoratori, oltre che per i pazienti  e i visitatori.