Scuola

Maturità 2022, torna il toto-tema: quali tracce usciranno secondo gli studenti

Maturità 2022
Maturità 2022: a fine giugno gli studenti affronteranno la prova d'italiano. Cosa si aspettano da quest'ultima? Ecco le previsioni.

Maturità 2022 tutt’altro che lontana. Dopo due anni segnati dalla pandemia torna la prima prova, ovvero lo scritto d’italiano, e con questo il “toto-tema”. Gli studenti coinvolti, di fatto, stanno già tentando di indovinare quali saranno gli autori ed i vari argomenti della prova in questione, che si terrà per tutti il 22 giugno. Cosa prevedono? Il portale Skuola.net lo ha chiesto a 1.000 maturandi.


 Maturità 2022, colloquio orale: come si svolgerà e griglia di valutazione


Attualità: le possibili tracce

Occorrerà partire dall’attualità, centrale per due tracce. Potrebbero essere davvero molte le tematiche adatte, ma una tra tutte è praticamente certa secondo gli studenti intervistati. Si fa riferimento alla guerra in Ucraina che è stata indicata dal ben 38% dei maturandi in questione.

Tra i più indicati anche il Coronavirus, tema che potrebbe essere collegato alle prospettive di vita dopo la pandemia: questo argomento potrebbe caratterizzare la prima prova per il 15% dei ragazzi. Infine un’altra traccia possibile potrebbe essere la crisi energetica che, tuttavia, al momento raggiunge una percentuale bassa (l’8%).

Analisi del testo: i pronostici

Non ci si può dimenticare, poi, degli autori presenti nell’analisi del testo. Si ricorda che, dopo l’ultima riforma del Ministero, sono due le tracce in questione: i maturandi dovranno confrontarsi sia con testi in prosa o di poesia.

Ma cosa pensano di trovare i ragazzi? In merito agli autori dell’Ottocento, emergono due “preferenze”:

  • Gabriele D’Annunzio (indicato dal 37%);
  • Giovanni Verga (indicato dal 34%);
  • Alessandro Manzoni (indicato dal 14%).

Per questi 3 nomi si tratterebbe di un ritorno dopo tantissimi anni, dato che dopo la riforma Berlinguer sono stati accantonati a favore degli autori del Novecento.

Per quanto riguarda gli autori del Novecento, invece, emergerebbero pochi dubbi: gran parte degli studenti, 1 su 3, continua a prediligere Luigi Pirandello. Segue Italo Svevo (con il 18% delle preferenze), mentre al terzo poso si piazza Primo Levi (17%).

Non si esclude il nome di un poeta all’interno del plico. In questo caso le personalità dell’Ottocento “batterebbero” quelli del Novecento. A confermarlo le seguenti percentuali:

  • Giovanni Pascoli (19% dei voti);
  • Giacomo Leopardi (18%);
  • Giuseppe Ungaretti (16%);
  • Eugenio Montale (11%)

Maturità 2022: e se si scegliesse un’autrice?

Tra i nomi sopraelencati non sono presenti quelli appartenenti a delle donne. Eppure il 32% degli intervistati spererebbe nella scelta di un’autrice, mentre il 46% gioirebbe di tale presenza pur ritenendola improbabile.

A detta degli studenti, in effetti, sarebbe più probabile una traccia su un autore sconosciuto o imprevedibile.

Anniversari e ricorrenze storiche più quotati

Le prime tracce della prima prova spesso sono legate ad anniversari di importanti personaggi ed eventi storici. Per quanto riguarda le ricorrenze, quest’anno si celebrano i 100 anni della morte di Giovanni Verga e il 32% degli studenti punta ad una menzione nella prova.

Il 23% degli intervistati punta sui 100 anni dalla nascita di Pierpaolo Pasolini, mentre il 12% ai 150 anni dalla morte di Mazzini.

Sono tantissime anche le ricorrenze storiche da tenere in considerazione: spicca, tra tutti,  il centenario della Marcia su Roma, che segnò l’inizio del Fascismo in Italia e che figura tra le previsioni di 1 giovane su 3.

Il 22% indica i 30 anni dalla strage di Capaci, mentre il trentesimo anniversario del Trattato di Maastricht raccolgono solo il 9% dei voti.