Catania

Catania aiuta l’Ucraina, da raccolta beni a sportello di supporto psicologico: le iniziative

ucraina
A seguito della guerra scoppiata pochi giorni fa tra Russia e Ucraina, anche Catania si sta mobilitando per aiutare il popolo ucraino: ecco le iniziative principali.

Negli ultimi giorni anche a Catania moltissimi si sono mobilitati in sostegno dei cittadini ucraini che in questo momento si trovano in estrema difficoltà a causa della guerra in atto. Come aiutare? Di seguito alcune delle iniziative principali.

Le raccolte beni di prima necessità

L’Associazione italo-ucraina “I Nuovi Confini Onlus“, in via Giaconia 4 a Catania, sta raccogliendo prodotti da mandare in Ucraina al fine di curare i feriti, in quanto le farmacie, al momento, sono vuote. Anche l'”Angelo Federico onlus” si è attivata in tutta la provincia, tramite l’avviamento delle raccolte da Maletto a Bronte, da Randazzo a Mascalucia.

Inoltre, a Catania, in via Fiamingo 7f (zona Piazza Umberto) è possibile lasciare dei pacchi contenenti beni di prima necessità il giovedì ed il venerdì dalle ore 16.00 alle 19 ed il sabato dalle 10.00 alle 13.00, entro giorno 5 marzo.

Anche alcuni commercianti stanno promuovendo alcune raccolte di beni di prima necessità per il popolo dell’Ucraina. In particolare, “Arti Grafiche Leonardi“, presso il suo negozio di via Plebiscito 646, ha avviato una raccolta per medicinali per il primo soccorso, alimenti, vestiti per neonati e bambini e lenzuoli termici.

A San Gregorio, inoltre, l’Associazione “Fare” Onlus, presieduta da Nunzio Pedalino, ha organizzato una raccolta di beni come prodotti alimentari a lunga conservazione, farmaci, abbigliamento e prodotti per l’igiene personale, che si concluderà sabato 5 marzo alle ore 12.30. I prodotti dovranno essere consegnati presso la sede dell’Associazione ubicata in Via Umberto I, al civico 96/A a San Gregorio. Per ulteriori informazioni si può chiamare il seguente numero: 095/9994499.

Infine, ad Acireale, presso la chiesa di San Francesco di Paola, in via San Francesco di Paola 46, è possibile lasciare farmaci come Bactri, Omeoprazen 10, Myucon, Novalgina, Aspirina C, Betadine, Tantum verde spray per gola ed altri per chi si trova ancora in Ucraina. Attenzione, però, in quanto questi pacchi saranno in partenza giorno 5 marzo.

Caritas di Catania: la raccolta fondi

La Caritas di Catania ha aderito all’iniziativa di Caritas Italiana che si è attivata per fornire gli aiuti necessari alla popolazione ucraina, attraverso una raccolta fondi. Chi vuole, dunque, può sostenere gli interventi di Caritas Italiana (Via Aurelia 796 – 00165 Roma), utilizzando il conto corrente postale n. 347013, o donazione on-line tramite il sito www.caritas.it, o bonifico bancario (causale “Europa/Ucraina”) tramite:

 • Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma –Iban: IT24 C050 1803 2000 0001 3331 111;

• Banca Intesa Sanpaolo, Fil. Accentrata Ter S, Roma – Iban: IT66 W030 6909 6061 0000 0012 474;

• Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013;

• UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119.

Lo sportello di supporto psicologico

Infine, l’Associazione cristiana lavoratori italiani (Acli) di Catania ha creato uno sportello di supporto psicologico dedicato ai cittadini ucraini che vivono nel territorio di Catania e provincia per garantire ai cittadini ucraini un supporto psicologico e morale grazie ad un team di professionisti.

Il centro di ascolto sarà attivo nella sede provinciale di Corso Sicilia 111 con uno sportello psicologico e presso i Punto Famiglia Acli Catania dislocati in città ed in provincia. Si occuperà del servizio la dott.ssa Tiziana Finocchiaro, psicologa familiare e psicoterapeuta ad indirizzo sistemico-familiare, che organizzerà anche delle terapie di gruppo presso Corso Sicilia 111 (Tel. 3401452329, email aclicatania1@gmail.com).

Un ulteriore servizio sarà quello presso i Punto Famiglia Acli Catania seguiti dal dott. Antonio Marco Tomaselli, psicologo che, come la dott.ssa Finocchiato, riceve solo su appuntamento (Tel.392/8688842 o tramite email aclicatania1@gmail.com).