Catania

Ingerisce veleno per topi e scappa di casa: suicidio sventato nel Catanese

Una tragedia sfiorata, andata a buon fine: è quella che si è verificata nei scorsi giorni, quando un trentatreenne del Catanese ha tentato il suicidio ingerendo del veleno per topi.

Una tragedia sfiorata: questo era ciò che poteva divenire il tentato suicidio di un giovane di Caltagirone, un trentatreenne, che nel tardo pomeriggio della scorsa domenica, 5 dicembre, con evidenti intenti suicidi ha ingerito del veleno per topi ed è scappato di casa.

Una volta accortisi della mancanza del giovane, i familiari hanno immediatamente allertato uno degli ispettori della Polizia di Stato appartenenti al team del Commissariato di Caltagirone, in quel momento non in servizio. L’ispettore, dopo aver diramato l’allarme alle forze dell’ordine, che hanno immediatamente attivato le indagini, ha utilizzato la localizzazione d’urgenza del cellulare del trentatreenne.

Grazie ad essa, le forze dell’ordine sono riuscite a rintracciare il giovane in una zona isolata, all’interno di un terreno, a torso nudo, esposto al freddo e alla pioggia battente. Al momento del ritrovamento, il giovane era semicosciente, e ha manifestato, a frasi sconnesse, la propria volontà suicida.

Dapprima portato al riparo e successivamente trasportato al pronto soccorso, ha dapprima rifiutato le cure antiveleno; la situazione si è infine stabilizzata, trovando il lieto fine: il trentatreenne resta ora in osservazione, in attesa della completa ripresa dal tentato avvelenamento.