News Sicilia

Sicilia, bocciate “liste no-vax”: per Garante privacy violano la legge

regione siciliana
Il Garante della Privacy è intervenuto avvertendo la Regione Sicilia in merito al trattamento dei dati personali in quanto possono violare il codice della privacy di ogni singolo cittadino.

La Regione Sicilia è stata avvertita dal Garante della Privacy circa la possibile violazione dei trattamenti dei dati personali effettuati in attuazione dell’ordinanza n. 75 del 7 luglio 2021. L’ordinanza firmata da Musumeci, tuttavia,  prevede trattamenti di dati personali relativi allo stato vaccinale dei dipendenti pubblici e degli enti regionali, determinando limitazioni dei diritti e delle libertà individuali che possono essere introdotte solo da una norma nazionale di rango primario, previo parere dell’Autorità

Le disposizioni regionali prevedono che tutti i dipendenti a contatto diretto con l’utenza siano “formalmente invitati”  a ricevere la vaccinazione e, in assenza di questa, assegnati ad altra mansione. Il Garante, in considerazione delle gravi violazioni riscontrate, ha dunque ritenuto necessario intervenire tempestivamente per tutelare i diritti e le libertà degli interessati.

Il provvedimento adottato dal Garante è stato comunicato al Presidente del Consiglio dei ministri e alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per le valutazioni di competenza, anche al fine di segnalare alle Regioni e alle Province autonome il necessario rispetto delle disposizioni in materia di protezioni dei dati personali

 Liste “no-vax” in Sicilia, Musumeci: “Non possiamo permetterci nuove chiusure”