Catania

Catania avrà il suo polmone verde, Pogliese: “Obiettivo 10mila nuovi alberi”

Alberi piantati a Catania
Foto di repertorio del progetto "2000 alberi per Catania".
Catania avrà i suoi polmoni verdi. Grazie alla collaborazione con una start-up, prende forma il progetto di piantumazione di 10mila nuovi alberi in città.

Catania punta a togliersi di dosso l’etichetta di città poco eco-friendly con la piantumazione di 10mila nuovi alberi. Il Comune etneo e la Start-Up Arbolia avviano un progetto di riqualificazione del territorio comunale, dopo l’esperimento riuscito col Boschetto della Playa e il piano “2000 alberi per Catania“.

Si tratta, dichiarano dal Comune, di un piano di imboschimento senza precedenti nella storia, che colma un vuoto di decenni di assenza un unitario progetto di forestazione di ampio respiro. La giunta comunale presieduta da Salvo Pogliese nell’ultima riunione ha infatti deliberato la stipula di un documento di collaborazione con la Start Up Arbolia, azienda frutto di un’intesa tra Snam e Cassa Depositi e Prestiti che progetta, promuove e realizza iniziative di rimboschimento su terreni messi a disposizione dalla pubblica amministrazione, mediante il sostegno economico di aziende e privati che desiderino contribuire al miglioramento della qualità dell’aria delle città e alla creazione di aree verdi, senza costi per il Comune.

L’iniziativa promossa dalla giunta Pogliese e coordinata dal capo di gabinetto Giuseppe Ferraro, è tra le prime grandi città del Sud poiché, se si esclude Lecce, Arbolia finora ha dato il proprio contributo solo nel Nord Italia, in particolare nei comuni di Parma, Udine e Treviso piantando alberi nelle rispettive aree urbane con grande apprezzamento delle comunità locali.

10mila alberi a Catania: le dichiarazioni di Pogliese

“Siamo orgogliosi – dichiara il sindaco Salvo Pogliese – di avere rilanciato un percorso virtuoso per l’ambiente contraddistinto da concretezza .sulla scia della feconda collaborazione pubblico-privato che già in tante situazioni ci ha consentito di migliorare il contesto urbano, senza gravare sul bilancio comunale, grazie a un’alleanza con quelle espressioni sociali e associative che hanno un atteggiamento autenticamente costruttivo verso i cittadini e la comunità”.

Tra i primi obiettivi di un piano che secondo l’amministrazione comunale dovrà essere il più vasto possibile, il sindaco ha reso noto di ritenere prioritario l’imboschimento del parco Monte Po’: “Un’area vastissima di proprietà comunale da sempre incolta e con resti archeologici da valorizzare – spiega il primo cittadino – che contiamo di arricchire con almeno duemila alberi, così da creare un nuovo grande polmone di ossigeno per i cittadini. Per la scelta delle zone, su cui avviare la piantumazione, tuttavia ci avverremo naturalmente dei suggerimenti di tecnici e organismi preposti, a cominciare dalla Consulta del verde. Abbiamo l’ambizioso obiettivo di accrescere i nostri parchi urbani con diecimila alberi, dando un’accelerazione fortissima sul fronte della sostenibilità ambientale che portiamo avanti con convinzione, nonostante siamo stati costretti a partire pressoché da zero e con i noti limiti di bilancio e risorse umane disponibili”.

Il progetto di piantumazione

Secondo quanto prevede il protocollo, che ha valore per cinque anni, Arbolia, una volta individuati i terreni e definiti i progetti di imboschimento con essenze arboree e arbustive autoctone, si curerà di ricercare finanziatori/ sponsor per garantire, a propria cura e spese, l’intervento di imboschimento secondo il progetto redatto da un tecnico forestale abilitato e previo parere positivo da parte del Comune e di eventuali altri enti preposti; garantire, a propria cura e spese, la manutenzione del bosco per i primi due anni, a partire dal termine della piantumazione e concordare con il Comune le iniziative di comunicazione e sensibilizzazione ai temi ambientali, anche mediante l’apposizione di targhe illustrative e svolgimento di eventi previamente autorizzati dall’Amministrazione Comunale.

Particolarmente soddisfatto l’assessore all’ambiente Fabio Cantarella che ha curato i primi passi dell’intesa con Arbolia che la giunta Pogliese ha varato: “Proseguiamo con determinazione l’attività di forestazione urbana intrapresa sin dal momento dell’insediamento. Abbiamo dato vita – ha aggiunto Cantarella – a un’esperienza unica in Sicilia e nel Mezzogiorno, che renderà la nostra città sempre più vivibile e accogliente ma anche più preparata a prevenire i rischi derivanti dai cambiamenti climatici come le ondate di calore o le piogge imponenti”.

Secondo i piani concordati dall’Ufficio di gabinetto del sindaco diretto da Giuseppe Ferraro, una volta completati i previsti passaggi istituzionali e di condivisione dei progetti con le organizzazioni territoriali, l’obiettivo è avviare le prime piantumazioni nel primo periodo utile per queste attività, vale a dire il prossimo autunno, partendo proprio dal parco di Monte Pò su cui da anni si è unitariamente invocato un piano di forestazione.

Rimani aggiornato