Attualità

Nuovo Dpcm: tutte le regole per le seconde case

spostamenti tra regioni
Nuovo Dpcm: tra i punti toccati dal testo, anche le seconde case. Ecco cosa prevede il nuovo provvedimento.

Ieri, 3 marzo 2021, è stato firmato il nuovo Dpcm dal presidente del consiglio Mario Draghi. Le nuove misure entrano in vigore dal 6 marzo e saranno valide fino al 6 aprile. Cosa prevede in merito alle seconde case? Di seguito tutti i dettagli.

Nuovo Dpcm: le novità sulle seconde case

Il nuovo Dpcm si muove tra novità e misure già in vigore. Come dovranno comportarsi i cittadini che intendono spostarsi dalle prime verso le seconde case?

Va precisato, in primo luogo, che nelle seconde case può andare soltanto il nucleo familiare: la casa non dovrà essere abitata da altri e bisognerà dimostrare di essere proprietari o affittuari da una data antecedente il 14 gennaio 2021.
Inoltre, se la casa si trova in zona arancione scuro o rossa non è possibile spostarsi da una zona gialla o bianca per raggiungerla. Nemmeno, poi, chi vive in zona arancione scuro o rossa potrà andare nelle seconde case se queste sono collocate in fascia bianca, gialla o arancione.

Nuovo Dpcm: le altre misure

Il nuovo Dpcm non prevede soltanto disposizioni in merito alle seconde case. Ecco cosa è possibile leggere all’interno del testo:

  • il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del giorno successivo. Consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative e da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. il divieto di spostamento tra le regioni, la chiusura delle scuole, dei centri commerciali e dei mercati nei giorni prefestivi e festivi, delle palestre e delle piscine, delle sale giochi e sale bingo e delle discoteche. Solo in fascia bianca il coprifuoco potrà essere modificato;
  • L’asporto di cibi e bevande per bar e ristoranti dalle ore 00.00 fino alle ore 18.00. Consentito solo fino alle ore 22.00 per enoteche o esercizi di commercio al dettaglio di bevande;
  •  Il divieto di spostamento tra regioni anche per la fascia bianca o gialla. Si può uscire soltanto per motivi di lavoro, salute e urgenza, con il modulo di autocertificazione;
  •  La chiusura delle scuole;
  • La chiusura di parrucchieri e barbieri in zona rossa, centri  commerciali e mercati nei giorni prefestivi e festivi salvo le attività di soli generi alimentari, palestre e piscine fatta eccezione per la fascia bianca, sale giochi e discoteche.