Attualità

Nuovo Dpcm, spostamenti verso seconde case: le precisazioni del Viminale

nuovo-dpcm
Vietati gli spostamenti tra Regioni fino al 15 febbraio. Ma è possibile raggiungere le seconde case? Una circolare del Viminale chiarisce la situazione.

Il nuovo Dpcm, entrato in vigore il 16 gennaio, vieta ogni spostamento in entrata o in uscita tra i territori di diverse regioni fino al 15 febbraio. Il divieto sarebbe vietato anche lo spostamento verso le seconde case. Gli spostamenti tra regioni sono consentiti solo se motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Nonostante il divieto di spostamento tra Regioni, resta comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Il testo, però, non contiene alcuna indicazione chiara in merito agli spostamenti verso le seconde case.

Seconde case fuori Regione: è possibile raggiungerle?

Al fine di chiarire questi dubbi il Viminale ha inviato ai prefetti una nuova circolare interpretativa del nuovo Dpcm firmato nei giorni da scorsi dal Presidente Giuseppe Conte.

Nella circolare viene ribadito che è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, con l’eccezione di quelli motivati dalle suddette circostanze giustificative ma è comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. In virtù di tale ultima previsione, gli spostamenti potranno avvenire verso aree regionali anche di colore “arancione” o “rosso”.

Non esiste ancora nessuna risposta chiara ma, con questa circolare, il Viminale dovrebbe aver confermato la possibilità di recarsi verso le seconde case spiegando che è caduto il divieto che era stato inserito nel decreto varato per le festività natalizie.

 

Rimani aggiornato