Attualità

Nuovo Dpcm Natale: le novità su ristoranti e negozi

nuovo-dpcm-natale
Nuovo Dpcm Natale: cosa cambia per ristoranti e negozi? Ecco i dettagli contenuti in bozza.

Che tipo di festività celebreranno gli italiani? La bozza del Nuovo Dpcm Natale fornisce tutte le risposte in merito. Tra le misure previste, spiccano quelle relative a ristoranti e bar: in attesa di ascoltare le parole del premier Giuseppe Conte, scopriamo insieme di cosa si tratta.

Nuovo Dpcm Natale: le regole per lo shopping

Secondo quanto emerso nel corso delle ultime ore, i negozi dovrebbero rimanere aperti fino alle ore 21:00, tranne nei giorni di Natale e di Santo Stefano.  Se ciò venisse confermato, gli italiani non dovrebbero necessariamente rinunciare allo shopping natalizio.

Nonostante questo, i centri commerciali dovrebbero rimanere chiusi nel weekend.

 “Fino al 6 gennaio 2021 – si legge nella bozza del Dpcm – l’esercizio delle attività commerciali al dettaglio è consentito fino alle ore 21, nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, a eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole”.

Nuovo Dpcm Natale: cosa cambia per i ristoranti

Non tutti scelgono di festeggiare il Natale in casa: molti preferiscono, di fatto, recarsi presso il proprio ristorante di fiducia o gustare i piatti tradizionali nel miglior locale della città. Ciò sarà possibile anche in questo dicembre?

La bozza del Nuovo Dpcm Natale non prevederebbe, di fatto, cambiamenti rispetto all’orario limitato dalle 5 alle 18 (relativo anche per i bar, le pasticcerie e altri locali di somministrazione cibi e bevande), già in vigore.

Dopo le ore 18 sarà, al contrario,  vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico.

Dunque, i ristoranti dovrebbero poter rimanere aperti anche il 25 e 26 dicembre, a Capodanno e per l’Epifania ma, di fatto, solo a pranzo.

Risulta necessario precisare anche che all’interno delle zone gialle il consumo al tavolo resta, comunque, consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi.

Rimani aggiornato