Politica

Elezioni e referendum 2020: quando si vota

elezioni 2020
Elezioni 2020: quando si vota e dove. Tutti i dettagli sulla prossima consultazione elettorale e sul referendum costituzionale e le regole anti contagio da rispettare al seggio.

Meno di 24 ore e l’Italia tornerà al voto nella tornata elettorale più anomala di sempre: le elezioni 2020. Il voto accorperà le elezioni amministrative in 7 regioni e 962 comuni e il referendum costituzionale sul taglio del numero dei parlamentari, nonché votazioni suppletive in alcuni collegi uninominali del Senato. Per le regionali sono chiamati al voto 18 milioni e 590 mila elettori, mentre le elezioni comunali riguarderanno meno di 1000 comuni in tutta Italia, tranne in Sicilia e in Sardegna, dove le elezioni si terranno rispettivamente il 4 e il 5 ottobre e il 25 e il 26 ottobre. Il referendum costituzionale, invece, coinvolgerà tutti i cittadini aventi diritto al voto, oltre 50 milioni di italiani.

Quando si vota e dove

I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23 di domenica 20 settembre e dalle 7 alle 15 di lunedì 21 settembre. Tra domenica e lunedì si voterà per le regionali in Campania, Puglia, Marche, Toscana, Liguria e Veneto. Inoltre, sono chiamati al voto i capoluoghi di regione Aosta, Trento (provincia autonoma) e Venezia, nonché i seguenti capoluoghi di provincia: Agrigento, Andria, Arezzo, Bolzano, Chieti, Crotone, Enna, Fermo, Lecco, Macerata, Mantova, Matera, Nuoro, Reggio Calabria e Trani.

Per il referendum costituzionale, invece, seggi aperti in tutta Italia. Il referendum è confermativo e non richiede il raggiungimento del quorum per essere considerato valido. I cittadini si troveranno a dover rispondere a un solo quesito, che si pubblica qui di seguito.

Regole anti covid

Per questa tornata elettorale il governo ha previsto, dove possibile, file all’esterno per votare. Obbligatoria, inoltre, la mascherina, nonché il rispetto del distanziamento di almeno un metro tra una persona e l’altra durante l’attesa.

Inoltre, non sarà necessario portare i guanti ma sarà obbligatorio igienizzare di frequente le mani. All’entrata e all’uscita dei seggi dev’essere presente del gel disinfettante e l’operazione andrà compiuta tre volte: all’entrata, prima di prendere matita e scheda elettorale e all’uscita dal seggio. Infine, non è prevista la misurazione della temperatura in loco.


Referendum taglio parlamentari: le ragioni del sì e del no a confronto

Referendum in Sicilia, fuga degli scrutatori: 700 rifiutano per paura Covid