Eventi

Taormina, spettacolo musicale e letterario per San Lorenzo: evento di beneficenza

Ad agosto si svolgerà un grande spettacolo musicale e letterario al Teatro Antico di Taormina. Ospiti d'eccezione per la serata, tra cui il maestro Santi Scarcella con il suo momento musicale a cavallo tra l'America e la Sicilia.

Il Teatro Antico di Taormina torna a far spettacolo. Il prossimo 10 agosto, infatti, ci sarà una serata organizzata da Antonio Oliveri, di Demea Eventi Culturali, che si aprirà con lo spettacolo di Santi Scarcella intitolato “Da Manhattan a Cefalù”. La serata sarà allietata da molti ospiti del mondo del giornalismo e della letteratura, il tutto accompagnato da un tocco speciale di “sicilianità”.

Il Parco Archeologico Naxos Taormina ospiterà, infatti, l’autrice del momento Stefania Auci, protagonista in classifica con “I Leoni di Sicilia”, della scrittrice Tea Ranno, che ha da poco dato alle stampe il suo ultimo libro “L’amurusanza”, di Melo Freni, giornalista e scrittore, volto noto del TG1 dove per anni ha ricoperto la carica di redattore capo e di Felice Cavallaro, giornalista del Corriere della Sera, scrittore e ideatore della “Strada degli scrittori”. Cinque siciliani, partiti per “incontrare” il Mondo, ma fortemente ancorati alla proprie radici, alla propria storia, alla propria cultura si uniranno sotto le stelle di Taormina per regalare al pubblico una serata magica e una speranza.

L’incasso sarà, infatti, devoluto al Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo, la struttura regionale di alta specializzazione per la cardiologia interventistica e la cardiochirurgia pediatrica diretta dal prof. Salvatore Agati, presente all’ Ospedale S. Vincenzo di Taormina. La serata prevede altri ospiti che si aggiungeranno sul palco del Teatro Antico di Taormina e daranno il loro importante contributo per la raccolta fondi.

Il progetto “Da Manhattan a Cefalù” , spettacolo di Santi Scarcella, è estremamente articolato ed è arrivato fino alla  Uconn University. L’Università americana ha approvato la profonda ricerca di Scarcella, partito dai canti di lavoro siciliani, messi a confronto con il blues americano, trovandone elementi in comune tali da portarlo al recupero della storia sulla nascita del primo jazz targato Sicilia (Nick La Rocca 1917, Livery state Blues). I punti principali di questo progetto sono “l’emigrazione, l’integrazione, la glocalizzazione” e soprattutto la “disabilità del cuore”, cioè il non riconoscere l’altro per ciò che è veramente.

Dopo aver conquistato il “Primo Maggio in Piazza S. Giovanni a Roma” e collaborato con il sassofonista di fama internazionale Joe Lovano, Santi Scarcella (che è anche il maestro di pianoforte di Ultimo) porterà a Taormina il suo progetto musicale, un personalissimo e inconfondibile “jazz siciliano”, dal respiro internazionale.