Altro

Naspi proroga: come richiederla

Le ultime novità sull'istanza di disoccupazione Naspi 2020: tutte le informazioni su come presentare la domanda e controllare l'avvenuto pagamento.

Naspi – A partire dal prossimo 1 luglio sarà possibile presentare la domanda per richiedere l’indennità di disoccupazione 2020 (Naspi). Nel Decreto Rilancio sono contenute tutte le indicazioni sul provvedimento, che è stato prorogato. In particolare riguarderà il personale precario della scuola, il cui contratto scade il prossimo 30 giugno.

Naspi: requisiti per il sussidio

Il requisito fondamentale per accedere al sussidio è la disoccupazione, il secondo requisito riguarda il licenziamento, che dovrà essere avvenuto contro la propria volontà, come per esempio i precari della scuola a cui scade il contratto il 30 giugno 2020 senza che venga poi rinnovato. Va aggiunta anche l’immediata disponibilità al lavoro (DID), requisito fondamentale per poter ottenere la somma, e dimostrare di essere attivi nella ricerca del lavoro secondo quanto sottoscritto col centro per l’impiego.

La Naspi 2020 verrà prorogata di 2 mesi a chi ha il sussidio di disoccupazione in scadenza, secondo quanto contenuto nel Decreto Rilancio 2020. Inoltre, per agevolare la presentazione di domande Inps Naspi 2020 e DIS-COLL, vista l’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro Paese, per chi venisse licenziato contro la propria volontà dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020, i termini di decadenza sono stati ampliati e passano da 68 a 128 giorni.

Inoltre per le domande presentate oltre il termine ordinario è fatta salva la decorrenza della prestazione dal 68° giorno successivo alla data di cessazione involontaria del rapporto di lavoro. Altra novità riguarda la somma dell’indennità Naspi 2020 che ha subito una rivalutazione secondo l’indice ISTAT dello 0,4 %.

Naspi: come richiederla

La domanda per poter ricevere il sussidio di disoccupazione Naspi 2020 va presentata all’Inps, esclusivamente per via telematica collegandosi al sito internet Inps. Per controllare il pagamento bisogna collegarsi sempre al sito dell’Inps e da lì accedere al proprio fascicolo personale, ed infine inserire il proprio codice fiscale e il Pin personale per controllare lo stato dell’erogazione del sussidio.

 Naspi al tempo del Coronavirus: cosa cambia per chi è disoccupato