Tecnologia e Social

App Immuni, da oggi funziona in tutta Italia: dove scaricarla e perché è sicura

App Immuni
App Immuni: a partire da oggi il servizio è attivo su tutto il territorio nazionale. Ecco dove scaricare l'applicazione gratuitamente e perché il servizio rispetta la privacy degli utenti.

A partire da oggi, lunedì 15 giugno, l’App Immuni è attiva in tutta Italia. L’applicazione per smartphone messa a punto dal Ministero della Salute per spezzare la catena di contagi nel caso in cui si venga in contatto con un paziente risultato positivo al tampone entra sulla scena dopo una prima fase di testing in quattro regioni italiane. Naturalmente, per un migliore funzionamento dell’App, è necessario che siano in molti a scaricarla. Le prime reazioni dagli italiani, dopo gli iniziali dubbi sulla sicurezza e sulla privacy, sono positive. Da inizio giugno, infatti, Immuni è stata scaricata da più di due milioni e duecentomila persone, come affermato dallo stesso commissario all’emergenza Domenico Arcuri.

App Immuni: chi può scaricarla e da dove

L’applicazione è scaricabile gratuitamente dagli store online dei sistemi operativi Android (dal Play Store) e Apple (iOS). Tuttavia, non è disponibile sugli Huawei più recenti, incompatibili con i servizi di Google. La società milanese che si è occupata dello sviluppo si sta occupando di ovviare al problema il prima possibile, ma al momento non è possibile attivarla.

Il commissario Arcuri, inoltre, ha voluto ribadire ulteriormente il fatto che l’applicazione è anonima e non fornisce i dati raccolti a esterni. “Resterà tale fino alla fine del suo uso e che è una componente fondamentale nella strategia del contenimento della pandemia nel proprio paese – dichiara Arcuri – . Abbiamo voluto e dovuto ottemperare alle esigenze di privacy e abbiamo impiegato il minimo del tempo”.

Perché l’App è sicura

Malgrado le paure sulla sicurezza dei propri dati, il sistema dell’App Immuni è sicuro. Lo afferma lo stesso ministro alla Salute Roberto Speranza, che spiega come funziona la raccolta dati dell’applicazione: “Immuni serve agli utenti di telefoni cellulari che hanno attivato l’applicazione per ricevere notifica di eventuali esposizioni al Coronavirus. Nell’intero sistema dell’app non sono presenti né saranno registrati nominativi e altri elementi che possano ricondurre all’identità della persona positiva o di chi abbia avuto contatti con lei, bensì codici alfanumerici”.

L’uso dell’applicazione, naturalmente, è volontario, ma l’efficacia dell’app è proporzionata al numero di download. “Gli utenti di cellulari che decidono di scaricare l’applicazione contribuiscono a tutelare sé stessi e le persone che incontrano – spiega ancora Speranza -. Se sono entrati in contatto con soggetti successivamente risultati positivi al tampone, verranno avvisati con una notifica dell’app. Ciò consentirà loro di rivolgersi tempestivamente al medico di medicina generale per ricevere le indicazioni sui passi da compiere”.

I servizi sanitari regionali potranno gradualmente attivare gli avvisi dell’app. Inoltre, per ulteriori informazioni gli utenti possono andare sul sito sul sito immuni.italia.it oppure rivolgersi al numero verde 800 91 24 91, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20.

Università di Catania