Università in pillole

Università, approvati 500 euro per i fuorisede e aiuti per gli atenei siciliani

Studentessa fuorisede
Continua il lavoro del Governo regionale e dei deputati dell'ARS, che stanno cercando di far approvare nel più breve tempo possibile la manovra economica da 1,5 miliardi di euro. Ecco, nel dettaglio, quali saranno le novità per il mondo accademico.

Ai deputati regionali l’approvazione della Finanziaria ricorderà il susseguirsi delle tappe di una maratona. Nei giorni scorsi sono stati votati diversi articoli che stanziano 1,5 miliardi di euro inviati dallo Stato. La riprogrammazione dei fondi dovrà essere accettata dal Governo centrale. Alcuni punti sono già stati approvati, tra cui  due voci che riguardano da vicino il mondo accademico.

Sostegno per gli studenti fuorisede

Ecco il contenuto molto importante di articolo approvato per i fuorisede: “Al fine di limitare i disagi per i nuclei familiari di provenienza e prevenire la dispersione – recita il testo dell’articolo della Finanziaria – agli studenti siciliani iscritti a corsi per il conseguimento di laurea, master universitari e dottorati di ricerca presso università ed istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica con sede in Sicilia, è concesso un contributo straordinario ‘una tantum’, nella misura forfettaria di 500 euro per ciascuno studente. Accedono a domanda al contributo straordinario di cui al presente comma gli studenti conduttori o co-conduttori di unità immobiliari ad uso residenziale, fiscalmente a carico dei nuclei familiari di provenienza, individuati come fuori sede ai sensi dell’ articolo 4, comma 8, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 aprile 2001, con contratto di locazione regolarmente registrato alla data del 28 febbraio 2020, che non risultino fruitori alla stessa data di servizi abitativi erogati dagli ERSU”.

 Bonus studenti fuorisede, pubblicato il bando: come e quando fare domanda

Aiuti per le Università

Ecco, invece, gli aiuti stanziati per gli atenei. “Alle Università con sede in Sicilia che nell’anno accademico 2020/2021 iscrivano ad anni di corso successivi al primo studenti – si legge nel testo – già iscritti nell’anno accademico 2019/2020 presso atenei aventi sede in altre regioni italiane o all’estero, è riconosciuto per ciascun soggetto e fino ad esaurimento delle risorse disponibili un contributo una tantum di 1.200 euro. Gli studenti sopra individuati ed iscritti a corsi di laurea, laurea magistrale o a ciclo unico sono esonerati dal pagamento delle tasse universitarie per l’anno accademico 2020-2021″.

Leggi anche: UNICT – Annullati test ammissione Tolc, esonero tasse per i laureandi: le novità

Rimani aggiornato