Università

Concorsi truccati all’Università di Catania: i nomi dei docenti sospesi

Terremoto giudiziario all'Università di Catania, dove il rettore il prof. Francesco Basile e altri 9 docenti sono stati sospesi per concorsi truccati.

È scoppiato un terremoto giudiziario all’Università di Catania: sospesi 9 professori universitari e il rettore dell’Ateneo, il prof. Francesco Basile, per concorsi truccati. Sarebbero accusati dei delitti di presunta associazione a delinquere, corruzione, turbativa d’asta e altro.


Leggi gli aggiornamenti: Bomba giudiziaria all’Università di Catania: corruzione e concorsi truccati


Tra i professori indagati ci sarebbero: il prof. Giuseppe Sessa presidente del coordinamento della scuola “Facoltà di Medicina”; il prof. Giancarlo Magnano di San Lio, ex direttore del Dipartimento di Scienze umanistiche e attuale prorettore; il prof. Francesco Pignataro, ex rettore dell’Università di Catania; il prof. Filippo Drago, direttore del Dipartimento BIOMETEC; il prof. Carmelo Monaco direttore del dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali ; il prof. Giuseppe Barone, ex direttore del dipartimento di Scienze politiche e sociali; il prof. Giovanni Gallo, direttore del dipartimento di Matematica e Informatica; la prof. Michela Maria Bernadetta Cavallaro, direttrice del dipartimento di Economia e Impresa; il prof. Roberto Pennisi, direttore del dipartimento di Giurisprudenza.


Ascolta gli audio con le intercettazioni dei professori universitari coinvolti 


L’operazione della Digos sul caso si chiama “Università Bandita”, che ha permesso di accertare 27 concorsi truccati: 17 per professore ordinario, 4 per professore associato, 6 per ricercatore. Coinvolti nel procedimento 40 professori di varie università: Bologna, Cagliari, Catania, Catanzaro, Chieti-Pescara, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Padova, Roma, Trieste, Venezia e Verona. In queste ore sono in corso oltre quaranta perquisizioni.