Scuola

Concorso scuola 2019: docenti neoassunti non potranno cambiare sede per 5 anni

Concorso scuola 2019: gli insegnanti, che otterranno la cattedra, non potranno cambiare scuola per 5 anni secondo un nuovo emendamento.

Concorso scuola 2019: gli insegnanti che vinceranno la cattedra “non potranno cambiare la scuola a loro assegnata per i successivi cinque anni”. È questo quello che si legge in un emendamento riguardante tutti i docenti che verranno assunti con i prossimi concorsi.

Secondo l’ultima legge di bilancio l’obbligo riguardava unicamente gli insegnanti delle scuole superiore, ma l’ultimo emendamento avrebbe esteso la misura a tutti i docenti “di ogni ordine e grado“. Questo vincolo, che garantirebbe la continuità didattica in aula, è valido “qualunque sia la procedura utilizzata per il reclutamento”; tuttavia l’emendamento non riguarderebbe solo gli assunti tramite il prossimo Concorso scuola 2019, ma tutti i reclutati tramite concorso ordinario, straordinario, concorsi precedenti e graduatorie a esaurimento.

La proposta non è ancora stata definitivamente approvata, ma ha già suscitato molte perplessità tra i sindacati.L’obbligo generalizzato per legge è frutto di propaganda e demagogia da parte di chi la scuola non sa neanche cosa sia – ha detto Pino Turi, segretario Uil scuola – . Poi la propaganda si sgonfia, come è già successo in passato, e restano i problemi. La continuità didattica è un valore condiviso e non si raggiunge con i divieti e gli obblighi, che di solito portano a contenziosi, ma con strumenti contrattuali che hanno dimostrato di essere più efficaci”.


Leggi anche “Concorso scuola 2019: posti solo nelle regioni e per classi di concorso con cattedre vuote”