Eventi

“Per Barbara”: consegna del diploma alla memoria di Barbara Minutoli 

Consegna del diploma alla studentessa della Scuola Superiore e collaboratrice della nostra testata, Barbara Minutoli. L’iniziativa è stata deliberata dagli organi di governo della Scuola e dell’Università di Catania.

Martedì 28 novembre alle 17,30, nell’aula magna di Villa San Saverio, si terrà la cerimonia di consegna del diploma della Scuola Superiore di Catania ai familiari dell’allieva Barbara Minutoli, prematuramente scomparsa all’inizio di settembre.

Anche LiveUnict sarà presente alla cerimonia e interverrà, ricordando Barbara e dedicandole un pensiero.

La delibera è arrivata direttamente dagli organi di governo della Scuola superiore e dell’Università di Catania,  in deroga al regolamento della Ssc. Verrà, dunque, presentata una tesi di laurea triennale come tesi di diploma, nella consapevolezza che, se solo la malattia l’avesse risparmiata, Barbara avrebbe sicuramente portato a termine egregiamente il suo percorso universitario al dipartimento di Scienze umanistiche e alla Scuola Superiore.

La manifestazione”Per Barbara”, sarà aperta dal dott. Giuseppe Di Fazio, giornalista e professore della studentessa prematuramente scomparsa, con un intervento dal titolo “Il cuore della notizia. L’avventura del lavoro giornalistico”, per omaggiare la carriera giornalistica che la giovane sognava tanto. A seguire, la cerimonia di consegna di diploma in senso stretto sarà introdotta dal presidente della Scuola Francesco Priolo, si svolgerà con la presentazione della tesi da parte della prof.ssa Marina Paino (direttrice del Disum e tutor di Barbara) e gli interventi dei coordinatori di classe, i professori Lina Scalisi e Salvo Sortino, e del prof. Mario Pagano, presidente del corso di laurea magistrale frequentato da Barbara.

Dopo la consegna del diploma ai familiari della ragazza, concluderanno la cerimonia alcuni interventi degli allievi della Scuola che, con parole e immagini, racconteranno la loro amica Barbara.

Leggi anche: Ciao Barbara, noi vogliamo ricordarti così.