Università

UNIVERSITÀ – Dottorandi lanciano petizione: “200 euro in più al mese”

“Borse di studio tra le più basse d’Europa”, questa la motivazione che ha spinto alcuni dottorandi a lanciare una petizione.

Non solo sciopero dei docenti universitari per scatti stipendiali, c’è qualcuno che ne soffre ancor di più: i dottorandi. Con un budget annuale di 12.241,89 euro, circa 1.020 mensili, le borse di ricerca riservate agli studenti italiani dai 91 atenei sono ben lontane dagli standard degli altri paesi europei.

Sebbene in alcune università si stia cercando di migliorare la situazione (si prendano ad esempio la Bicocca e la Statale di Milano, che hanno aumentato le borse di ricerca fino a 14.556 euro annuali), in molti atenei ci sono ancora gravi difficoltà. Ecco perché è stata avviata una petizione: 200 euro mensili in più a 21mila studenti, in totale 70 milioni annuali da parte dello stato agli atenei. Com’è giusta la rivendicazione sugli scatti d’anzianità dei docenti, stessa importanza devono avere i dottorandi, che ogni anno contribuiscono alla didattica e alla ricerca di ogni singola università.

Bisogna cercare di equilibrare la situazione, anche facendo fronte alle abissali differenze tra dottorandi italiani e stranieri: si prenda ad esempio l’Università di Bologna, che paga i post-laureati italiani al minimo mentre prevede borse di Diritto riservate ai dottorandi stranieri da 33.600 euro, per “attrarre” cervelli nel nostro paese.

Una situazione insomma da ribaltare, nella quale le nostre eccellenze e il prestigio dei nostri atenei devono essere incentivati, per far sì che il nostro sistema universitario sia uno dei migliori in Europa. La petizione, iniziata a luglio, vedrà le firme raccolte consegnate alla Camera il 28 settembre. C’è dunque da sperare che la richiesta venga accolta, e di conseguenza soddisfatta.

 

Cristina Maya Rao

Nata a Catania il 23 Aprile del 1997, frequenta il terzo anno della facoltà di Lingue e Culture Europee, Euroamericane ed Orientali. Musicista dall'animo rock, viaggiatrice senza sosta ed amante di ogni espressione dell'arte, muove in LiveUniCT i primi passi per realizzare uno dei più grandi sogni della propria vita: diventare una giornalista. Ama scrivere di musica, arte, astronomia ed eventi; è quasi sicuro che agli eventi di cui parlerà, in un modo o nell'altro sarà sempre presente.

Da TWITTER

Lo studio del docente Carmelo Rapisarda dell’@unict_it in collaborazione con il Luxembourg Institute of Science and Technology
https://catania.liveuniversity.it/2020/02/17/unict-bioclimatologia-nuovi-modelli-per-prevedere-la-diffusione-insetti-nocivi-europa/

Uno scippatore è stato fermato dai #militari dell’@Esercito, impegnati nell’operazione #StradeSicure, mentre fuggiva dopo aver derubato una giovane coppia di ragazzi. #Catania https://catania.liveuniversity.it/2020/02/17/catania-cronaca-scippo-militari/

Un sistema innovativo che aspira ad essere competitivo nel mercato europeo delle costruzioni, verrà testato anche su un edificio dell’Iacp di #Catania
https://catania.liveuniversity.it/2020/02/17/unict-riqualificazione-energetica-e-sismica-progetto-finanziato-horizon-2020/

Load More...