Università di Catania

Sciopero docenti: a Milano misure straordinarie per rimediare alla sospensione esami

Lo sciopero docenti, che è iniziato il 28 agosto, potrebbe portare qualche ritardo nella carriera universitaria degli studenti. Per questa ragione alcune università di Milano hanno già previsto misure straordinarie per ovviare al problema.

 

A sciopero appena iniziato, le università milanesi stanno già escogitando un piano che permetta a tutti gli studenti di godere regolarmente dei due appelli d’esame, scongiurando ritardi della carriera universitaria.

Capofila Bicocca, l’università ha previsto un appello straordinario che si svolgerà in via eccezionale dopo 14 giorni, qualora uno o più docenti aderenti alla protesta dovessero disertare gli appelli di settembre. Inoltre a tutti gli studenti che devono sostenere l’ultimo esame a settembre in vista della laurea sarà garantita  la sessione di laurea di ottobre, mentre i giustificativi eventualmente richiesti da studenti lavoratori saranno firmati dal prorettore Cherubini, che rassicura di come “l’Ateneo adotterà ogni misura atta a non pregiudicare la carriera degli studenti”.

Anche la Statale, dove gli esami ricominceranno la prossima settimana, promette appelli straordinari al quattordicesimo giorno in modo da ridurre ogni disagio per gli studenti. Al Politecnico, infine, dove gli esami sono già ricominciati, lo sciopero docenti non sembra aver creato particolari disagi, se si considera che su 238 appelli previsti tra ieri e oggi solo sette sono saltati. Ciononostante, l’attenzione dell’Ateneo resta alta e si è pronti a elaborare soluzioni rapide ed efficaci al problema.

Leggi anche:

A proposito dell'autore

Debora Guglielmino

Classe '94, la passione per l'informazione e il giornalismo mi accompagna sin da quando ero ancora una ragazzina. Studentessa di Scienze della Comunicazione, amo la lettura e le atmosfere patinate ed eleganti tratteggiate nei romanzi della Austen. Appassionata e ambiziosa, sogno di poter un giorno conoscere il mondo e di raccontarlo attraverso una penna e un taccuino.

Università di Catania