Attualità

La birra come antidolorifico: lo studio dell’Università di Greenwich che rivoluziona tutto

La birra come antidolorifico: è questa la notizia che porterà a una rivoluzione grazie agli studi emersi da un gruppo di ricercatori dell’Università di Greenwich. 

Fino ad oggi si è sempre detto che un bicchiere di vino durante i pasti non guasta mai, ma si è stati sempre sollecitati a far attenzione alla quantità di birra che si beve. Alcuni studi hanno dimostrato, al contrario, che la birra può avere un effetto benefico su coloro che soffrono di mal di testa. I risultati degli studi condotti nell’Università di Greenwich, infatti, hanno dimostrato che due bicchieri di birra possono sortire lo stesso effetto dei medicinali che quotidianamente vengono utilizzati contro uno dei dolori più comuni nella nostra società.

Lo studio è stato pubblicato dal Jurnal of Pain e dichiara che: bere due pinte di birra può ridurre il disagio di un quarto. Se si aumenta dello 0,08% il livello dell’alcool corporeo, infatti, si alza anche il livello di sopportazione del dolore. Trevor Thompson, il dottore che ha effettuato lo studio, ha affermato che l’alcool può essere paragonato ai farmaci oppiacei e che l’effetto che provoca in chi lo utilizza è più forte di quello proveniente dal paracetamolo.

Nonostante il risultato di questo studio, i medici tengono a precisare che l’utilizzo smodato di alcool può provocare danni irreparabili e per questa ragione se ne consiglia sempre un utilizzo moderato.