Attualità

Ricerca della Johns Hopkins University: i sintomi influenzali maschili sono peggiori di quelli femminili

Pubblicata su una celebre rivista di settore, l’American Journal of Physiology – Lung Cellular and Molecular Physiology, l’ultimo studio del gruppo di ricerca della Johns Hopkins University, guidato da Sabra Klein, che conferma come i sintomi influenzali maschili sono peggiori di quelli femminili.

MA DA COSA DIPENDE QUESTA DIFFERENZA?

Tutta colpa della carenza di estrogeni, che nelle donne svolgono un importante ruolo di sostegno contro le infezioni. Gli studiosi hanno analizzato le cellule nasali infette, studiando in modo particolare il ruolo degli estrogeni nella replicazione del virus. Q

Per dimostrare come gli uomini, che ovviamente hanno meno estrogeni, siano maggiormente esposti alle infezioni, il team di studiosi ha esposto le cellule nasali sane a estrogeni e a farmaci chiamati “modulatori selettivi del recettore dell’estrogeno” (SERM). Queste cellule sono state poi infettate con il virus dell’influenza.

I risultati sono stati sorprendenti: le cellule trattate da 72 a 24 ore prima dell’infezione hanno resistito di più alla carica virale rispetto cellule maschili “normali”. Ciò confermerebbe come gli estrogeni abbiano delle specifiche caratteristiche antivirali, grazie alla loro capacità di rallentare la possibilità del virus di replicarsi

La dottoressa Klein ha raccontato anche come studi precedenti abbiano «già dimostrato che gli estrogeni hanno proprietà antivirali contro l’HIV, Ebola e virus dell’epatite». Ora, gli ormoni che fino a questo momento sono stati utilizzati per il trattamento di menopausa e infertilità possano «essere usati a scopo terapeutico anche per proteggere dall’influenza».