Altro Attualità Catania News Sport

CATANIA – Arriva la “Walk of life” di Telethon per aiutare la ricerca

A Catania la Fondazione Telethon e il coordinamento etneo non si arrendono alla lotta nei confronti delle malattie genetiche rare. Ancora una volta viene proposta la ormai tradizionale “Walk of life”, la camminata di solidarietà che unisce tutti, grandi e piccini e con tante novità in arrivo.

 

cuore verde telethon WoL 2016

L’appuntamento è fissato per domenica 15 maggio in piazza Università, con tantissime novità rispetto alle edizioni precedenti: la classica passeggiata verrà affiancata da ciclisti e amici a quattrozampe, per percorrere insieme le vie del centro storico. L’obiettivo 2016 è sarà la vendita di 12mila zainetti. Il colore scelto ad accompagnare la manifestazione sarà il verde: verde come la speranza di andare avanti senza arrendersi mai nella lotta.

La ricerca finanziata da Telethon, grazie al sostegno di milioni di italiani, ha raggiunto molti traguardi: malattie sconosciute che adesso hanno un nome, disabili che possono vivere sempre meglio la quotidianità, bambini che hanno di nuovo un futuro grazie a terapie innovative.

Ciascun partecipante alla Wolk of life 2016 riceverà un ricco zainetto contenente la t-shirt dell’evento e prodotti forniti dagli sponsor locali e nazionali. La quota di iscrizione prevede un contributo minimo di 5 euro, tutti interamente devoluti alla ricerca.

Anche quest’anno sarà presente il Villaggio della Ricerca e della Prevenzione (in piazza Università) a partire da giorno 12 maggio. Una possibilità per eseguire screening sanitari gratuiti in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi e con i Lions del Distretto 108 Yb-Sicilia, e di passare momenti di svago e intrattenimento coordinati dal responsabile “eventi” Telethon Catania Carmelo Furnari.

Il testimonal sarà sempre il piccolo catanese Matteo, un bambino di otto anni e mezzo affetto dalla sindrome di Marinesco-Sjogren (sono circa 100 i casi in tutto il mondo). Con la tenacia con cui ha affrontato e continua ad affrontare la sua malattia, Matteo è rappresenta una rappresentanza di tutti i bambini nel mondo affetti da malattie genetiche rare.